L’Expo che ci piace

BioEcoGeo_Expo_NepalUna commovente gara di solidarietà sta avvenendo in queste ore nel sito di Expo2015, nel quale è arrivata l’eco del devastante terremoto che ha colpito il Nepal nei giorni scorsi. Quasi tutti gli operai al lavoro nel padiglione del paese, infatti, sono rientrati in patria in fretta e furia, alcuni anche perchè colpiti direttamente da un lutto familiare, lasciando lo spazio espositivo, ancora da terminare, deserto. Una situazione che non è sfuggita agli altri lavoratori impegnati negli ultimi ritocchi all’area fieristica, che hanno così deciso spontaneamente di mettersi all’opera per finire i lavori. Ovviamente gratis, e nel tempo libero, organizzandosi su turni dettati dalla solidarietà. In prima linea ci sono i lavoratori che hanno già completato i padiglioni dei rispettivi paesi, ma anche qualche operaio dipendente di Expo non si tira indietro. «Siamo tutti commossi dal vedere che il cantiere non è fermo, e che vi si parlano tutte le lingue», dice a vita.it un dipendente di Expo che lavora vicino allo stand nepalese, uno dei primi sulla destra entrando dal Decumano centrale, e che ha potuto verificare di persona la notizia. «Tra l’altro le maestranze che si sono rese disponibili sono qualificate, perchè stanno completando alcuni lavori di cesello fatti a mano dai nepalesi (nella foto di Carlo Colombo, ndr) con grande perizia, in modo che anche il loro stand possa aprire tra due giorni senza sfigurare».

Fonte: vita.it



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × cinque =