Revisione della caldaia, quando e perchè farla

Revisione, cattivo funzionamento e rischi di una mancata manutenzione della caldaia. Questi sono gli argomenti principali che affronteremo per guidare il lettore, possessore di una caldaia, ad un  suo corretto utilizzo.

manutenzione-caldaia-siena

Capita spesso che, una volta messa in funzione, pur sapendo che la caldaia ha bisogno di controlli periodici, ne dimentichiamo la frequenza, in quale periodo dell’anno effettuarli e quali possono essere i rischi se si saltano le revisioni obbligatorie. Sicuramente, il possessore di una caldaia riesce a capire se questa sta funzionando bene controllando la sua efficienza attraverso la bolletta del gas o assicurandosi che siano stati messi in atto tutti gli accorgimenti del caso: bassa temperatura di mandata, termostato ambiente modulante, anche con sonda esterna, programmazione idonea alle esigenze personali, valvole termostatiche per le stanze più calde. Ma non basta.

La revisione: come, quando e perchè
La caldaia ha bisogno di una revisione annuale e il periodo migliore per farlo è la fine della primavera e l’inizio dell’estate. Questo perché è la stagione in cui solitamente le caldaie non lavorano molto o per niente e c’è quindi tutto il tempo per verificare che ogni cosa sia in ordine ed effettuare le relative riparazioni, modifiche e sostituzioni di pezzi non funzionanti o malandati. Inoltre, un controllo periodico della caldaia permette di ridurre l’inquinamento e aumentare il risparmio energetico. Ma cosa succede se dimentichiamo di revisionarla? Quali sono i rischi a cui andiamo incontro, oltre ad un consumo meno efficiente? Ebbene, gli incidenti potrebbero essere di varia natura, nella maggior parte dei casi provocati proprio dalla trascuratezza e dalla poca cura dedicata dal proprietario dell’impianto.

I rischi
Innanzitutto, una fuoriuscita di gas, che si verifica nel caso di apparecchi alimentati a gas, metano o gpl: in questo caso, è molto pericolosa perché potrebbe comportare un’intossicazione o addirittura uno scoppio. In secondo luogo, lo sprigionamento di monossido di carbonio: la creazione di monossido di carbonio può avvenire con tutti i tipi di combustibile e può essere provocata sia dalla bruciatura dell’ossigeno senza ricambi d’aria nella stanza sia dagli intasamenti dei tubi di scarico dei fumi. Terza possibilità, un incendio del combustibile che potrebbe verificarsi, in particolare, quando la caldaia funziona a gasolio o kerosene. Infine, le fulminazioni: incendi provocati da corto-circuiti in impianti elettrici collegati alla caldaia.

I test sulla sicurezza
Una caldaia che si rispetti deve essere affidabile e durare nel tempo. La garanzia di qualità di un prodotto inizia fin dalla progettazione. È nella fase di design, infatti, che la maggior parte dei potenziali problemi possono essere già prevenuti. Tutte le caldaie, prima di essere vendute e installate in luoghi abitati, e cioè ancora in fase di produzione, sono obbligatoriamente sottoposte a test di controllo. Ma in cosa consistono questi test e in che modo riescono a garantire la qualità, la durata del prodotto e la sicurezza nel funzionamento? Esistono dei test particolari utilizzati da alcune case di produzione, come, ad esempio, quelli di Ariston Thermo.
Il Life Test accelerato ha l’effetto di accelerare il tempo: la caldaia viene, cioè, sottoposta ad ore ed ore di lavoro al massimo delle sue funzionalità per simulare l’utilizzo che ne verrebbe fatto in una finestra di tempo di anni, così da garantire la stessa performance nel tempo.
Il Real Life Test, invece, simulano la “vita reale”, testando la performance  per almeno due stagioni invernali nelle case delle persone, in condizioni normali. I test interessano singoli componenti della caldaia e ne verificano la qualità e l’affidabilità (test in assenza/presenza di acqua, test elettrici, test di perdite di gas). Esiste, poi, un gruppo di esperti  tecnici installatori e professionisti del settore (Centro Esperti) che mette in evidenza le aree di miglioramento e ottimizzano tutti gi aspetti del funzionamento. Infine, un controllo a campione delle caldaie verifica ulteriormente la sicurezza di alcuni impianti, così da garantire al massimo l’efficienza della caldaia che entrerà nella vostra casa.



Deborah Divertito

Criminologa, ricercatrice e tifosa del Napoli. Da sempre attenta alle tematiche sociali e ambientali. Co-fondatrice della Cooperativa Sociale Sepofà, mi occupo di promozione editoriale e culturale. Il mio libro preferito? “Il Giovane Holden” di J.D. Salinger


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 + dieci =