“Grow more with less”, i benefici dell’irrigazione a goccia

Dalla conservazione dell’acqua ad una riduzione dell’inquinamento  all’empowerment delle donne: ecco perchè l’irrigazione a goccia può esere il futuro dell’agricoltura.

irrigazione-a-goccia-modena-marano-sul-panaro

Oggi vogliamo parlarvi di un’azienda israeliana leader nelle pratiche agricole smart, che attua progetti in diverse zone del mondo con il motto:”Grow more with less” (trad. “Crescere di più con meno”). Si tratta della Netafim e vi illustriamo il progetto d’irrigazione a goccia, contro lo spreco di acqua, con la  comunità del Negev,  nel sud di Israele, ma che ormai è diffuco in tutto il mondo.

L’acqua come risorsa. L’agricoltura è responsabile per il 70 per cento del consumo di acqua del mondo, in crescita le colture alimentari, il bio-carburante, i foraggi per il bestiame, e fibre per i vestiti (cioè il cotone). Solo il 20 per cento del settore agricolo irriga le sue coltivazioni, e tuttavia quel segmento è responsabile del 40 per cento del cibo del pianeta. L’irrigazione è fondamentale per il miglioramento della resa delle colture.

Ci sono diverse forme di irrigazione. Solo il 4 per cento degli agricoltori, però,  irrigano con il sistema a goccia. Il 12 per cento utilizza, invece, l’irrigazione a pivot, un’altra forma abbastanza efficiente di irrigazione, mentre il restante 84 per cento utilizza l’irrigazione delle inondazioni. Tale sistema, però, è inefficiente; richiede grandi quantità di acqua, mentre aumentano le emissioni di gas a effetto serra, che emettono metano, e contaminano le falde acquifere. Spesso si richiede a donne e bambini nei paesi colpiti dalla povertà di percorrere molta strada e trascorrere molte ore  per trasportare acqua in secchi a mano, rendendo difficile per loro di proseguire gli studi o completare altri compiti. Questo è uno degli effetti distorti dei sistemi d’agricolura utilizzati in un paese, non direttamente legati all’ambiente, ma ugualmente importanti.

La Netafim ha promosso luso dell’irrigazione a goccia fin dal 1965. L’idea è di dare alla pianta tutto ciò di cui necessita al momento giusto e non attraverso il terreno. L’irrigazione avviene di fatto attraverso  “linee gocciolanti” di plastica, che si trovano sia al di sopra del suolo o sotto la superficie. L’acqua è controllata alla fonte, ad esempio da un serbatoio, e il terreno attorno alla pianta riceve una piccola e costante quantità di acqua, solo quando la valvola è aperta.

I vantaggi. Non solo utilizza dal 60 al 70 per cento in meno di acqua – una preziosa risorsa limitata sul nostro pianeta oggi – ma riduce anche le emissioni di gas a effetto serra attraverso un uso più preciso dei fertilizzanti, che sono premiscelati in acqua prima dell’irrigazione. Esso consente agli agricoltori di crescere colture su terreni collinari, cosa diversa per l’irrigazione a inondazioni che prevede, invece, un terreno su un unico livello. L’irrigazione a goccia riduce la lisciviazione dei nitrati e l’assorbimento di metalli pesanti nel suolo. Inoltre, aumenta la resa delle colture in modo significativo. Un esempio? Nelle serre nei Paesi Bassi e in Israele,  i pomodori e le fragole sono coltivati ​​con irrigazione a goccia e hanno rendimenti molto più elevati rispetto ai campi: il rendimento medio dei pomodori in una di queste serre è di 650 tonnellate per ettaro, rispetto a 100 tonnellate / ettaro in un campo con l’irrigazione a inondazioni. 
Lo sviluppo sostenibile. L’irrigazione a goccia può rompere il ciclo della povertà. Mentre Netafim è meglio conosciuto per la sua alta tecnologia, con sistemi di irrigazione controllati dal computer, in grado di fornire agli agricoltori su larga scala  dati di campo in tempo reale, l’azienda vende anche dei sistemi a goccia utilizzabili per singole famiglie, che possono essere utilizzati in off-grid facendo affidamento sulla gravità per trasportare acqua da un serbatoio ai campi. Si tratta di un’opzione conveniente per 500 milioni di agricoltori di sussistenza del pianeta, che attualmente forniscono l’80 per cento del cibo del mondo in via di sviluppo. Molti di questi agricoltori sono donne, e ad essere meno legato al lavoro massacrante di colture irrigazione è incredibilmente abilita. Il lavoro di quest’azienda ben si lega agli obiettivi 2030 di sviluppo sostenibile (OSS) stabiliti lo scorso anno dalle Nazioni Unite. Ci sono 17 obiettivi globali nel complesso e ben  9 di questi sono soddisfatti da questo tipo di progetto a mediolungo termine, tra cui porre fine alla povertà e la fame, raggiungere l’uguaglianza di genere, assicurare la disponibilità di acqua e l’uso sostenibile degli ecosistemi terrestri.


Deborah Divertito

Criminologa, ricercatrice e tifosa del Napoli. Da sempre attenta alle tematiche sociali e ambientali. Co-fondatrice della Cooperativa Sociale Sepofà, mi occupo di promozione editoriale e culturale. Il mio libro preferito? “Il Giovane Holden” di J.D. Salinger


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × tre =