Amianto: scuole ancora imbottite. Il Ministro della salute intanto cosa fa?

È da qualche tempo che stiamo lavorando con tenacia e passione a un’inchiesta che ci sta particolarmente a cuore e che, spesso continua a preoccuparci. Stiamo girando l’Italia, da nord a Sud per conoscere e entrare nelle scuole ancora “imbottite di amianto” e per capire cosa si stia facendo per risolvere le situazioni.

Amianto_

Da quando abbiamo iniziato la nostra inchiesta, che sfocerà in un Docufilm (Stop Amianto a scuola) realizzato insieme ai nostri giornalisti Stefania Divertito e Luca Signorelli, alcune scuole hanno ottenuto bonifiche che però ancora non bastano a risolvere la situazione.
In Italia esistono più di 2.400 scuole che ancora presentano amianto nei muri, nei pavimenti delle palestre, sui tetti. «Ma come si può lasciare che una scuola impregnata di amianto accolga ogni giorno centinaia di studenti e docenti?».

Lo abbiamo chiesto al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Il tema amianto ricade sotto il suo dicastero e le domande erano semplici: perché non chiudere quelle scuole? Perché non prevenire? A quali rischi sono sottoposti i nostri bambini?

La risposta alla domanda, è nell’articolo sul nuovo numero di BioEcoGeo, in edicola a maggio o in abbonamento con un semplice click.



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − otto =