Carbone sui coralli

L’Australia approva un piano per scaricare milioni di tonnellate di sedimenti in un’area molto vicina al Parco della Grande Barriera Corallina, al largo delle coste dello stato del Queensland. La decisione fa parte dell’operazione per di espansione del porto di carbone di Abbot Point uno dei più grandi al mondo.
La barriera di corallo più ricca ed estesa del pianeta è in pericolo secondo gli ambientalisti e gli oppositori del provvedimento. Il suo ecosistema, già dichiarato a rischio nel 2012 da un rapporto del’Unesco, verrebbe distrutto dall’enorme quantità di detriti previsti dal progetto, circa 3milioni di metri cubi secondo le stime.
Il ministro australiano dell’ambiente Greg Hunt, ha assicurato che saranno prese le dovute misure di sicurezza per evitare qualunque danno alla barriera, agli animali, alle piante e alle acque. Ha inoltre specificato che in nessun modo la Barriera Corallina sarà colpita direttamente dai sedimenti provenienti dagli scavi del porto.

di Laura Lisanti

Fonte: thepostinternazionale.it



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × quattro =