Ecomondo 2016, a Rimini il via al salone della green economy

Al via la 20esima edizione di “Ecomondo”, il grande salone della green economy, in contemporanea con Key Energy, Key Wind, H2R – Mobility for Sustainability e Condominio Eco, che si terrà da oggi fino a venerdì 11 novembre presso la Fiera di Rimini.

ecomondo_2

Ecomondo 2016 è organizzato da IEG – Italian Exhibition Group, una nuova società nata dopo l’integrazione fra Rimini Fiera e Fiera di Vicenza, ed è stata inaugurata oggi col taglio del nastro da parte del Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. Subito dopo l’apertura, si è dato il via agli Stati Generali della Green Economy, organizzati dal Consiglio Nazionale della Green Economy, composto da 64 associazioni di imprese green, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e il Ministero dello Sviluppo Economico e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile presieduta da Edo Ronchi, con la presentazione di una relazione di apertura che porrà l’accento sulla percezione della green economy italiana a livello internazionale, realizzata dal centro di ricerca Dual Citizen di Washington DC. Protagonista della mattinata inaugurale la presentazione della seconda edizione della Relazione sullo stato della green economy 2016, progettata anche quest’anno dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, che contiene una fotografia delle imprese green a livello nazionale e un’analisi dell’andamento della green economy nei principali settori, con uno sguardo alle prospettive future.

La mostra. Per festeggiare i primi venti anni del salone, nel pomeriggio, alle ore 17, nell’area della Hall Sud, verrà inaugurata una grande mostra dal titolo “ExNovoMaterials in the circular economy” che rappresenta la svolta in atto e il riassunto di questi venti anni di Ecomondo. Un passaggio fondamentale che sta modificando la maniera di adoperare la materia nel mondo industriale. Si tratta di un viaggio visionario tra presente e futuro che racconta potenzialità e applicazioni, mostrando le prospettive dell’economia circolare, un futuro dove l’economia circolare può attingere a se stessa riducendo automaticamente l’impatto di prelievo delle risorse naturali. Materiali che fino a ieri erano soltanto rifiuti assumono nuove caratteristiche e prestazioni, offrendo flussi di approvvigionamento affidabili per il mondo della produzione. La mostra, firmata insieme a tutti gli attori del sistema green italiano, sarà itinerante sia nel nostro Paese che all’estero, ambasciatrice di un made in Italy innovativo La mostra è firmata insieme a tutti gli attori del sistema green italiano e che poi sarà itinerante in Italia e all’estero, ambasciatrice di un made in Italy di valore assoluto.

I numeri. Il Salone ospiterà ben 1.200 imprese dislocate in sedici padiglioni. Gli organizzatori attendono oltre 100.000 visitatori, almeno 11.000 dall’estero, 500 buyer esteri che saranno protagonisti di almeno 4.000 incontri già pianificati sulla piattaforma online. In fiera, fra gli espositori internazionali, anche una collettiva di dieci aziende svedesi accompagnate dall’Ambasciatore di Svezia in Italia Robert Rydberg. Proiettata sempre di più sullo scenario internazionale, l’intenzione è confermata anche dalle parole di Lorenzo Cagnoni, Presidente di Italian Exhibition Group: “Oggi lo scenario nuovo che si pone davanti ad Ecomondo, che è leader indiscusso a livello nazionale e al secondo posto in Europa, è il suo profilo di internazionalità. Dopo l’esperienza avviata in Brasile, a fine novembre mi attendo un’accelerazione dell’iter che porterà Ecomondo ad uno sbarco in Cina per il 2017, sulla spinta dell’integrazione con la Fiera di Vicenza che ha fatto nascere la nuova società Italian Exhibition Group”.

Non solo Ecomondo. Contemporaneamente al Salone della Green Economy, la Fiera di Rimini ospita Key Energy, Key Wind, H2R – Mobility for Sustainability e Condominio Eco. Key Energy ospiterà il debutto dell’intesa firmata con ENEA, l’accordo triennale di collaborazione nell’ambito di Key Energy, dal titolo “8 round per l’efficienza”, ovvero una serie di workshop gratuiti nei quali verranno affrontati temi quali la formazione, le strategie competitive, l’innovazione e la finanziabilità. Numerose anteprime di prodotti, invece, a H2R – Mobility for sustainability, dove troveranno posto le auto dei grandi marchi mondiali, dotate delle tecnologie più avanzate per l’economia dei consumi e dell’impatto ambientale.

Per info, programma e biglietti: www.ecomondo.com

 



Deborah Divertito

Criminologa, ricercatrice e tifosa del Napoli. Da sempre attenta alle tematiche sociali e ambientali. Co-fondatrice della Cooperativa Sociale Sepofà, mi occupo di promozione editoriale e culturale. Il mio libro preferito? “Il Giovane Holden” di J.D. Salinger


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque − 4 =