Genitori autotassati per ricordare che a Taranto si continua a morire d’inquinamento

A Taranto si continua a morire di inquinamento nell’indifferenza generale. Un gruppo di genitori tarantini si è autotassato per far circolare, a partire dal 4 luglio, un’affissione mobile fra le strade di Roma.

BioEcoGeo_genitori tarantini

Quella Roma in cui si è deciso che chi compra l’Ilva può modificare a proprio piacimento tempi e modi del piano ambientale, godendo per giunta di immunità penale.
I manifesti hanno immagini forti e messaggi semplici: su uno vengono riportati i dati abnormi di mortalità infantile; sull’altro c’è scritto “I bambini di Taranto vogliono vivere”.

«Iniziativa naif?» si domanderà qualcuno? Può darsi, ma a questo punto vale tutto.
Per contribuire alla campagna e permettere che le affissioni durino di più, è possibile contattare direttamente i Genitori Tarantini sulla loro pagina Facebook.

Fonte: Giuliano Pavone, giornalista e autore di numerosi libri fra cui Venditori di fumo. Quello che gli italiani devono sapere sull’Ilva e su Taranto



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − 3 =