Il fascino irresistibile di Gemma

Dinan

L’intellettuale insoddisfatto Martin Joubert (Fabrice Luchini), lascia Parigi per trasferirsi in Normandia, dove decide di riaprire la panetteria paterna e vivere in solitudine, equilibrio, serenità e tranquillità, in mezzo alla natura, che qui fiorisce e avvolge ogni giornata. Un po’ misantropo, Martin ha una grande passione per la lettura e la letteratura, Gustave Flaubert su tutti. Sereno quasi fino alla noia, Martin impasta, crea nuove forme e tipi di pane, ascolta France Culture, che ‘legge’ “Madame Bovary”, il suo romanzo preferito. Tra il pane aromatico sfornato e una pagina sfogliata piano piano, il panettiere ancora non sa che la vita può davvero avere più fantasia della finzione. L’equilibrio raggiunto a fatica non tiene: viene sconvolto dall’arrivo improvviso e del tutto inaspettato della nuova coppia inglese di vicini di casa, Charles (Jason Flemyng) e Gemma Bovery (Gemma Arterton), ma, in particolare, da quello di Gemma, un’affascinante chimera. Il nome della coppia è, poi, una strana e sorprendente coincidenza. Flaubert, sempre Flaubert. Lui restauratore, lei sensuale arredatrice d’interni apriranno nella vita di Martin quell’inatteso e sconvolgente squilibrio che passa attraverso il parallelo della vita della giovane Gemma con il romanzo ‘Madame Bovary’, tanto adorato dall’uggioso e nevrotico Martin. Sarà, infatti, proprio nella bellezza semplice e seducente della ragazza, nella sua capacità di attirare l’attenzione maschile e, soprattutto, nella sua manifesta inadattabilità alla noiosa vita di provincia a indurre nella mente di Martin un confronto tra la vita della sua conturbante vicina e le vicende narrate nel romanzo dello scrittore francese, che scrisse e ambientò ‘Madame Bovary’ proprio in quella splendida e colorata Normandia. Sedotto dalla vicina e incuriosito dall’aderenza della vita della donna al suo amato testo letterario, l’uomo sarà, dunque, spinto a seguire con sempre maggiore interesse le vicende della ragazza, pur di constatare fino a che punto vita e romanzo tenderanno realmente a sovrapporsi. Romanzo e vita che si mescolano, si confondono. Commistione, fusione, persino confusione. Una commedia leggera, ironica e divertente che gioca con la letteratura e la sua primaria fonte d’ispirazione, per riflettere sulla capacità delle passioni / ossessioni di travisare o addirittura di modificare la fisionomia della realtà. Una commedia pudica e semplice che fa riflettere sulle strane casualità della vita, ma ancor di più sul piacere, sulla bramosia dei desideri, sull’impossibilità del sogno e l’ineluttabilità di certe scelte. Film elegante, piccolo ma grande. In un ambiente delizioso, fatto di una profumata panetteria artigianale, un château e un vecchio casale. Oltre che di tanti giardini fioriti. 

71YSF51BGfL__SY445_Gemma Bovery, di Anne Fontaine, Francia, 2014, 99 mn.

 



Simonetta Sandri

La volontà di condividere con i lettori la bellezza dell’universo resta per me la vera ragione della ricerca delle parole più adeguate per descrivere una meraviglia spesso indescrivibile. Perché, come il Principe Miškin ne L’idiota di Fedor Dostoevskij, anche io penso che la bellezza salverà il mondo.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 + quattordici =