In California la birra si fa con l’acqua riciclata

birraChi l’ha provata, giura che è impossibile distinguere una pinta di birra tradizionale da una prodotta con acqua riciclata. Si può gustare in California, in una birreria che ha cominciato a produrre birra utilizzando una tecnologia sviluppata dalla NASA per depurare le acque reflue durante le missioni spaziali. Insomma, una bevanda alcolica creata con liquidi e residui fognari, provenienti da lavandini, water e docce.

Un modo per evitare sprechi e porre l’attenzione su una soluzione possibile contro la siccità: la peggiore piaga per la California degli ultimi cinquecento anni secondo i climatologi, che ha creato grandi disagi alla popolazione e minacciato la sopravvivenza degli abitanti più antichi del Paese, le sequoie.

L’idea è già di un anno fa, quando una società, la Clean Water Services, un’azienda locale dell’Oregon che ricicla e depura le acque sporche e provenienti dalle fogne, fece domanda alla Commissione per la qualità ambientale di Portland al fine di ottenere un permesso per utilizzare le acque delle fogne locali per creare bevande alcoliche. Secondo la compagnia, uno speciale processo di purificazione delle acque provenienti dagli scarti delle case, delle aziende e delle attività commerciali locali, provenienti anche da water, docce o lavatrici, libererebbe i liquidi da così tante impurità che li renderebbe più puliti dell’acqua che si può bere dal rubinetto. Tra le motivazioni presentate alla Commissione anche il problema, appunto, della siccità in California, a causa della quale i birrai artigianali sono costretti ad autotrasportare l’acqua da altri Stati. Detto, fatto.

A un anno di distanza, l’architetto Drinker, mai nome fu più azzeccato, ha incontrato un birrificio che ha assecondato la sua folle idea, l’Half Moon Bay Brewing Company,a sud di San Francisco ed è nata la nuova versione della propria Mavericks Tunnel Vision Ipa, realizzata con acqua riciclata. L’obiettivo attuale non è, comunque, la commercializzazione del prodotto, in quanto la California non può legalmente pompare l’acqua riciclata nella fornitura di acqua potabile, e, quindi, produrre attualmente birra con acqua riciclata avrebbe forse costi eccessivi. Piuttosto si è cercato per ora di attirare l’attenzione della classe politica e dell’opinione pubblica sul tema del riciclo dell’acqua. Modificare la legge e consentire di immettere le acque reflue trattate direttamente nella fornitura di acqua potabile sarebbe il primo passo per l’applicazione di massa dell’acqua riciclata.



Stefania Divertito

Stefania Divertito, è giornalista d’inchiesta, specializzata in tematiche ambientali. Numerose le sue inchieste anche su argomenti delicati. Per citarne alcune: Uranio, il nemico invisibile; Amianto, storia di un serial killer; Toghe verdi, storie di avvocati e battaglie civili. Il suo ultimo lavoro è anche la sua sfida: un romanzo thriller con sullo sfondo il tema dello smaltimento illegale di amianto. Ha vinto il Premio Pasolini nel 2013 ed è stata cronista dell’anno nel 2004.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + 13 =