Se mi ami mi pianti

partecipazioni-matrimonio-se-mi-ami-mi-pianti

Tanti sono gli oggetti che una volta terminato il loro uso possono avere (a creare) una nuova vita. Abbiamo parlato dei piatti di Lifepack, oggi vediamo altri oggetti che si piantano: le partecipazione di matrimonio. Fra le tante idee green per un matrimonio all’insegna dell’ambiente e della solidarietà, questa idea ci piace davvero. Si tratta dell’invito a partecipare alla festa della vita che contiene in sé altra vita: semi all’interno delle partecipazioni biodegradabili da cui potranno nascere fiori. La simbologia contenuta in questo oggetto parla da sé.  L’unione, il seme, la vita, i fiori. Il tutto che inizia e continua, fino a far sbocciare da un amore un nuovo amore.

Questi speciali biglietti d’invito che si trasformano in fiori si chiamano “Se mi ami mi pianti”. Bellissima e originale anche l’idea del nome. Le partecipazioni, di varie misure e tipologie, sono realizzate in carta riciclata e al loro interno hanno degli inserti e delle fascette in “carta semi”. Le potrete leggere, custodire un po’ e poi lasciare andare per piantarle in vaso e osservare la nascita dei fiori dopo alcune settimane. Non si tratterà più di un semplice biglietto da conservare nella scatola dei ricordi che magari si perderà pure un po’ negli armadi o nei cassetti ma di un gesto che trasformerà in fiori di campo un momento felice. Innaffiando e curando un germoglio che diventerà vita, profumo, freschezza e colore.

L’idea è della ditta Bianco Sposi, nata dall’incontro della creativa Ilena Porcu, con la sua ditta artigianale Mirabilia, e l’esperienza tecnica della Cooperativa Ingresso Libero. La produzione di carta ecologica è legata ad un progetto del commercio equo e solidale nato per proteggere gli elefanti dello Sri Lanka.



Simonetta Sandri

La volontà di condividere con i lettori la bellezza dell’universo resta per me la vera ragione della ricerca delle parole più adeguate per descrivere una meraviglia spesso indescrivibile. Perché, come il Principe Miškin ne L’idiota di Fedor Dostoevskij, anche io penso che la bellezza salverà il mondo.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − 18 =