No ai regali a industria, OGM e TTIP

BioEcoGeo_agricolturaA dirlo è Pecoraro Scanio che sottolinea: «L’Agricoltura resti centrale.»
Alfonso Pecoraro Scanio risponde a Mattero Renzi che ha annunciato di voler cambiare denominazione al Ministero delle Politiche Agricole in Ministero dell’Agroalimentare.
«Il Dicastero dell’Agricoltura – dichiara Alfonso Pecoraro Scanio, già Ministro delle Politiche Agricole e Forestali, oggi Presidente della Fondazione UniVerde – deve avere al centro la tutela della biodiversità, la qualità dell’agricoltura e dell’imprenditorialità multifunzionale dei nostri agricoltori. Il riferimento all’agroalimentare non deve essere un trucco per facilitare una subalternità alle multinazionali del cibo e un’apertura così a Ogm e TTIP».
« È necessario salvaguardare le conquiste di Slow Food e della multifunzionalità. Il rilancio del Made in Italy – continua Alfonso Pecoraro Scanio – si è ottenuto grazie alla difesa della tipicità e della biodiversità da parte dei nostri coltivatori, di associazioni come Slow Food di Carlo Petrini e della legge sulla multifunzionalità, sostenuta da importanti organizzazioni agricole».
«A questo annuncio devono far seguito – conclude il Presidente della Fondazione – concreti provvedimenti che aiutino gli agricoltori a migliorare le proprie capacità di trasformazione e commercializzazione di prodotti di qualità e misure che contrastino l’agropirateria e i tentativi di imporre Ogm, ormoni e altre pratiche dannose al nostro sistema agroalimentare, all’ambiente e alla salute, invise alla stragrande maggioranza e agli stessi consumatori».



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − 11 =