Piano anti siccità Coldiretti: usiamo le cave dismesse

Una riserva strategica di almeno 90 milioni di metri cubi di acqua da utilizzare ogni anno per irrigare i campi.

Ex cava Melzi, Sesto San Giovanni (MI)

Ex cava Melzi, Sesto San Giovanni (MI)

 

90 milioni di metri cubi di acqua sono le risorse idriche che – stima Coldiretti Lombardia – si potrebbero accantonare usando gli invasi del solo 10% di tutte le cave dismesse presenti nella regione, una misura pari alla metà di tutto il Lago di Como oppure a quasi una volta e mezzo quello di Iseo. «Se già sfruttiamo i giacimenti sotterranei dismessi per stoccare le riserve strategiche di gas e petrolio, non vedo perché, scegliendo solo quelle più adatte dal punto di vista geologico e ambientale, non possiamo creare una rete simile di riserve idriche con una piccola parte delle cave ormai esaurite» spiega Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia.

In Lombardia i siti estrattivi non più in produzione sono poco meno di tremila. «Riutilizzandoli come bacini idrici di emergenza – continua il leader degli agricoltori – riusciremmo a garantire l’acqua ai campi anche nei momenti di maggiore difficoltà estiva e potremmo recuperare dal punto di vista ambientale diverse aree della nostra regione, creando anche posti di lavoro». In Lombardia – secondo l’ultimo rapporto di Legambiente – la provincia con il maggior numero di cave dismesse è Pavia con 952 siti , segue Mantova con 598, Milano con 403, Brescia con 269, Bergamo con 158, Sondrio con 141, Cremona con 129, Varese con 108, Lodi con 89, Lecco con 42 e infine Monza e Como con una a testa.
«È chiaro – conlcude Prandini – che non tutte si possono utilizzare: prima serve uno studio approfondito dei siti più idonei e delle quantità potenziali di acqua da stoccare nei periodi abbondanza, sfruttando anche la rete dei canali e i collegamenti idrici gestiti dai vari consorzi di bonifica. In un’epoca di cambiamenti climatici, con un inverno come l’ultimo appena trascorso (in Lombardia è caduto fra il 70 e l’80% di pioggia in meno) le riserve di acqua stanno diventando importanti come quelle di gas e petrolio».



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 5 =