Pistoia, piccoli gesti per diventare green

pistoia Si chiama “Butta Bene” ed è la nuova campagna di sensibilizzazione del Comune di Pistoia per tenere la propria città più pulita. Sono tante le misure messe in campo: estensione del sevizio di spazzamento delle strade e delle piazze; istituzione, due volte all’anno (primavera e autunno) di una pulizia profonda stagionale su tutto il territorio comunale; una campagna capillare di comunicazione per il corretto utilizzo di cestini portarifiuti, a partire dal centro storico, riqualificazione di sei giardini pubblici, non ancora individuati dall’amministrazione pubblica, con giochi di materiale riciclato e terriccio derivante da compost grazie ad una collaborazione tra Publiambiente, Comune e scuole pistoiesi.

Quest’ultima in particolare riguarda il progetto “Adotta un giardino pubblico”: nel prossimo mese di ottobre, infatti, con l’inizio del prossimo anno scolastico, sarà pubblicato un bando rivolto a tutte le scuole che potranno proporsi di adottare un giardino pubblico con un progetto di sistemazione, che potrà prevedere la collocazione di panchine, giochini e arredi di varia, tutti realizzati con materiale riciclato. I progetti selezionati saranno, poi, realizzati nella primavera del 2017.

Ma il provvedimento che colpisce di più è la distribuzione gratuita presso i locali pubblici, oltre che di 150 gettasigarette mobili sistemati sulla porta d’ingresso, anche di 7.000 posacenere portatili per invitare i cittadini a non gettare le cicche di sigarette a terra. Il provvedimento sarà attuato da maggio e i destinatari saranno i locali pubblici più frequentati della città per sottolineare l’importanza e la necessità di non gettare più i mozziconi di sigarette in strada, come se fosse, questa, un cestino per i rifiuti.

Negli ultimi mesi, molte altre amministrazioni comunali hanno preso questa decisione, facendo diventare il posacenere tascabile, a dimensione di borsetta, quasi un oggetto di tendenza: Cagliari, Roma, Napoli, per citarne solo alcune. Gli oggetti in questione sono colorati, con degli slogan ad hoc e con disegni che identificano la città. La tutela dell’ambiente e il rispetto delle strade della propria città è fondamentale. E, allora, perché non farlo con stile?



Stefania Divertito

Stefania Divertito, è giornalista d’inchiesta, specializzata in tematiche ambientali. Numerose le sue inchieste anche su argomenti delicati. Per citarne alcune: Uranio, il nemico invisibile; Amianto, storia di un serial killer; Toghe verdi, storie di avvocati e battaglie civili. Il suo ultimo lavoro è anche la sua sfida: un romanzo thriller con sullo sfondo il tema dello smaltimento illegale di amianto. Ha vinto il Premio Pasolini nel 2013 ed è stata cronista dell’anno nel 2004.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 4 =