Premio Marzotto: i vincitori

Si è conclusa al Maxxi di Roma la Finale dell’ottava edizione del Premio Gaetano Marzotto. La celebrazione di un anno di intense attività, che ha visto concorrere oltre 600 partecipanti, premiare 48 startup, con un montepremi complessivo di oltre 2 milioni e mezzo di euro e un network attivo di un centinaio di partner, molti internazionali.

Cellply_Vincitore Premi-impresa. Credit Sole24Ore

Cellply_Vincitore Premi-impresa.
Credit Sole24Ore

Il Premio per l’impresa con un grant da 300 mila euro è andato a Cellply, mentre il Premio dall’idea all’impresa, da 50 mila euro, a Bettery. Cellply è il primo sistema diagnostico in grado di prevedere l’efficacia di farmaci antitumorali per ciascun paziente, analizzando la risposta in-vitro di cellule vitali all’interno di una piccola biopsia, subito a valle del prelievo. Studi clinici iniziali hanno mostrato che la risposta clinica di pazienti affetti da leucemie acute, normalmente rilevata solo a valle della terapia e a distanza di mesi, può essere prevista in sole 24 ore e con una accuratezza di oltre il 90%. Bettery ha presentato invece Nessox (NEw Semi Solid OXygen battery), la batteria liquida di litio-ossigeno a flusso con la più elevata energia e durata mai riportata fino ad oggi, che permette una ricarica immediata sostituendo il liquido scarico, come in un rifornimento di carburante. L’accumulatore ha un costo del 30% più basso del mercato e una densità di energia 5 volte maggiore. Accumula energia in modo controllato da fonti rinnovabili e diventa un punto di ricarica, distributore del liquido per “fare il pieno” ad un veicolo elettrico che utilizzi la stessa tecnologia di batteria. Inoltre la batteria può avvalersi delle infrastrutture di distribuzione già esistenti.

«Con un gruppo di 50 partner provenienti da vari settori, dal manifatturiero al fintech, dall’education alla grande distribuzione, sosteniamo la nascita e lo sviluppo di nuove imprese italiane. Da ormai dieci anni, con milioni di euro. Crediamo nei fatti concreti, come direbbe Giannino Marzotto, ideatore del Premio – spiega Cristiano Seganfreddo, direttore di Progetto Marzotto – Il Premio è infatti un efficace ecosistema dell’innovazione, molto pratico e poco politico, dove riconosciamo e sosteniamo in modo reale la capacità di creare nuova impresa. Con soldi veri e non con promesse. Sostenendo, connettendo, spingendo l’innovazione. Perché i giovani imprenditori di questo Paese lo meritano. E noi li vogliamo portare nel mondo per continuare l’idea di una Italia creativa e avanzata».

Tra le attività premiate troviamo LittleSea che ha vinto il Premio Speciale Accenture grazie alla sua piattaforma Babelee che permette agli utenti di generare automaticamente e in modo del tutto autonomo, video personalizzati. Ma c’è anche la milanese Userbot che si è aggiudicata il Premio Speciale Repower e che offre un sistema di customer service altamente tecnologico che coniuga cloud, intelligenza artificiale (AI) ed intelligenza umana con l’obiettivo di semplificare i processi e il lavoro degli operatori di Customer Service).

Scopri tutti i progetti che sono stati premiati 

 

Per Matteo Marzotto, vice presidente di Progetto Marzottole «Investendo in tecnologia e innovazione, l’Italia e le nostre aziende potranno guidare la rivoluzione dell’Industria 4.0, dell’open innovation, come quella dei servizi ad alto contenuto digitale. Anche grazie al coraggio di questi giovani imprenditori, il Premio è diventato la piattaforma per l’innovazione italiana».

 



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × tre =