Referendum: cosa cambierà per l’ambiente?

C’è un aspetto poco affrontato del referendum costituzionale che ci chiama alle urne il prossimo 4 dicembre. La riforma del cosiddetto Titolo V: materie fondamentali per i territori passeranno in toto allo Stato e in via esclusiva

Di Stefania Divertito

bioecgeo_referendum

Quando il Consiglio di Stato ha emesso la sentenza che ha posto fine a una battaglia durata 5 anni, quella dei cittadini di Arborea (Oristano) contrapposti ai petrolieri della Saras, uno dei primi pensieri del comitato sardo guidato dalla sindaca è stato: «Meno male che la riforma del titolo V non è ancora operativa».

«Bisogna sbloccare il Paese da veti incrociati che hanno minato le potenzialità dell’Italia – ha sottolineato il ministro dei Trasporti Graziano Delrio – parliamo di materie le cui competenze saranno esclusive dello Stato ed è giusto così perché la concorrenzialità tra potere centrale e locale ha prodotto un’emorragia di contenziosi e ricorsi».

Quali le diverse posizioni sul Titolo V e cosa cambierà davvero nel caso vincesse il sì o il no?

Potete leggere lo speciale “Referendum” sul nuovo numero di BioEcoGeo:

  • acquistando la rivista in edicola
  • scaricando il singolo numero in formato digitale
  • ricevendolo comodamente a casa tramite abbonamento alla rivista cartacea.

bioecogeo_banner



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro − uno =