Route220: il futuro dell’auto elettrica

Arriva Route220, la prima soluzione italiana interamente mobile di prodotti e servizi per la ricarica per vetture elettriche. 

Forse, chi non ha un’auto elettrica non può capire.
Vi assicuro però, che bastano poche parole con chi ne possiede una per avere la certezza che questa nuova mobilità ha ancora tanta strada da fare prima di potersi sviluppare nel nostro paese.
Soprattutto, se pensiamo ad un utilizzo sulle lunghe percorrenze. Ne abbiamo parlato con Franco e Carolina di Route220, azienda innovativa fondata nel 2014 con sedi a Rovereto (presso Progetto Manifattura) e Milano. Franco, prima di raccontarci il loro progetto, ci mostra il carnet di tessere necessarie per percorrere un lungo tratto, come ad esempio da Rovereto (TN) a Milano.

BioEcoGeo_route220

Ogni provincia prevede infatti una propria carta rfid (chip radiotrasmissione, ottenibile presso uffici pubblici o sedi delle società che erogano il servizio) che permette l’autenticazione e il rifornimento presso le colonnine presenti sul territorio.
Questo significa che, per fare un viaggio con un’auto elettrica in Italia, è necessario avere una tessera per ogni provincia in cui si intende ricaricare l’auto.
Per porre rimedio a sistemi così obsoleti che ci catapultano nella preistoria della mobilità elettrica e ci allontanano dall’intera Europa, Route220 propone la propria stazione di ricarica interamente accessibile da smartphone.
L’accesso alla colonnina Route220 avviene infatti attraverso l’uso della propria APP ROUTE220, gratuita per iOs e Android, che abilita l’autorizzazione e la gestione della transazione attraverso un semplice tap sullo schermo del proprio cellulare. Da oggi tutti gli EVRouters potranno finalmente accedere ai servizi di ricarica senza doversi dotare in anticipo di card che frammentano l’offerta e rendono inaccessibile l’attuale network italiano, soprattutto ai turisti stranieri che desiderano raggiungere le nostre mete turistiche in modo sostenibile.
Mentre in Italia continuiamo a emettere nuove tessere per colonnine elettriche, in Europa i turisti che viaggiano elettrico aumentano. I numeri parlano chiaro: sono 400.000 i veicoli in Europa, con una crescita media annua del 75%. Parliamo quindi di un ampio potenziale di clienti e di un target molto interessante, attento all’ambiente, tecnologico, con uno stile di vita sostenibile e, non ultimo, con un’elevata capacità di spesa.
Per intercettare questa fascia di clientela, Route220 ha sviluppato una piattaforma digitale integrata (App + Web Map + stazione di ricarica accessibile via mobile) dove agenzie di promozione turistica, hotel, ristoranti, ma anche amministrazioni locali, possono promuoversi ed entrare nel settore della green e sharing economy, rendendosi attraenti a chi guida elettrico in tutta Europa, dialogando direttamente con i propri potenziali clienti. Una grande opportunità, perché l’elettrico è destinato a divenire in breve tempo un plus strategico per gli operatori della ricettività e per lo sviluppo del territorio.



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 5 =