Sea Shepherd e Enpa contro la mattanza dei delfini in Giappone

L’Ente nazionale protezione animali (Enpa) si appella al ministro degli Esteri, Emma Bonino, ”affinché l‘Italia prenda posizione contro la barbarie di Taiji”, città giapponese nella cui baia è stato catturato, nei giorni scorsi, un branco di oltre 250 delfini.
”Il mondo intero sta protestando contro questa ennesima mattanza, attori e personaggi della cultura e dello spettacolo stanno esprimendo il loro disappunto e il disgusto per questa pratica tanto barbara quanto incivile, da Yoko Ono ai report di tutti i principali telegiornali dagli Usa all’Australia”, evidenzia la Protezione animali, chiedendo a Bonino che ”anche il nostro Paese dia prova di altrettanta sensibilità e civiltà”.
In difesa dei delfini è scesa in campo, nel fine settimana, anche l’ambasciatrice americana in Giappone, Caroline Kennedy. ”Sono profondamente preoccupata per la disumanità dell’azione della caccia. Il governo degli Stati Uniti si oppone alla caccia dei delfini”, ha scritto su Twitter la figlia dell’ex presidente Usa John Fitzgerald Kennedy.
La Sea Shepherd Conservation Society, l’associazione ambientalista che “combatte” da anni il Sol Levante per le sue pratiche di caccia di balene a “uso scientifico”, ha riferito che più di 250 delfini erano stati spinti nella baia di Taiji, tra cui cuccioli e un rarissimo caso di femmina albina. La città, che da secoli pratica questa particolare attività di pesca, è salita alla ribalta internazionale a causa del documentario americano “The Cove”, vincitore del premio Oscar nel 2009, che dava contro del massacro di delfini durante una’azione su vasta scala al largo della costa. Le foto, diffuse dall’associazione sui social network, mostrano i delfini catturati intenti a nuotare in circolo in acque poco profonde. Sea Shepherd ha lanciato l’hashtag #tweetfortaiji per sensibilizzare l’opinione internazionale ad evitare un massacro. Gran parte della carne recuperata sarà consumata dall’uomo, con il rischio di danni alla salute visti i quantitativi di mercurio rilevati, mentre alcuni capi finiranno in cattività nei parchi marini.



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


2 thoughts on “Sea Shepherd e Enpa contro la mattanza dei delfini in Giappone

  1. Nome (richiesto)

    I DELFINI SONO CREATURE INDIFESE DEVE ESSERCI UNA LEGGE CHE TUTELI GLI ANIMALI BASTA QUESTO INUTILE SPARGIMENTO DI SANGUE , TUTTI GLI ANIMALI HANNO DIRITTO DI VIVERE! DOVREBBERO FARE LORO LA STESSA FINE! CHE VERGOGNA! BASTARDI

    Reply
  2. Paolo

    Si può solo far capire cosa stanno facendo … boicottando i loro prodotti.
    Tutti i paesi sono sensibili all’andamento dell’economia …. e possiamo incidere sulle loro esportazioni … non acquistando più tutto quello che è Made in Japan!

    Reply

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × due =