Terremoti: due giorni in piazza per ridurre i rischi

Cosa fare in caso di alluvione, terremoto o maremoto? Abitate in un’area a rischio? Si possono prevedere questi fenomeni? E infine, cosa può fare il tuo comune?
Se volete una risposta a tutte queste domande, questo è il weekend giusto! Scende infatti id nuovo in piazza IO NON RISCHIO, un weekend di incontri  per illustrare ai cittadini cosa fare per ridurre i rischi da terremoto, maremoto e alluvione.

BioEcoGeo_iononrischio

Il 17 e il 18 ottobre oltre 400 punti informativi saranno presenti su tutto territorio italiano. Quasi 5.000 i volontari di associazioni nazionali di protezione civile, gruppi comunali e associazioni locali coinvolti nella campagna di comunicazione promossa dal Dipartimento di Protezione Civile (DPC), in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Associazione Nazione delle Pubbliche Assistenze (ANPAS) e Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica (ReLUIS).
Questi due giorni in piazza sono il punto di arrivo di un lungo percorso di formazione che per tutto l’anno ha impegnato, oltre ai volontari, i tanti funzionari, ricercatori e tecnici di DPC, INGV, ANPAS, Reluis e altri enti.

La riduzione del rischio è una responsabilità di tutti ed è una scelta che va fatta consapevolmente ogni giorno come singoli cittadini, comunità e amministrazioni, e solo un ruolo pieno e consapevole di ognuno di noi può davvero cambiare le cose: questo lo spirito più profondo della campagna IO NON RISCHIO, che continuerà a crescere nei prossimi anni, affrontando nuovi temi, come ad esempio il rischio vulcanico.

Tutte le informazioni sui comuni interessati dalla campagna il prossimo 17 e 18 ottobre sono sul sito ufficiale della campagna, dove potrete anche consultare le mappe interattive su terremoti, maremoti e alluvioni realizzate da INGV e i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare per proteggersi dai rischi naturali.



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 1 =