Carroponte: i 100 giorni di grandi emozioni che inquinano meno

La storica struttura dell’area ex-Breda fa da cornice ai consueti imperdibili live: Daniele Silvestri, Damian Marley, Gue Pequeno, Sum 41, Limp Bizkit – e a tante novità come il cinema sotto le stelle o le partite degli Europei. Occasioni d’incontro rese ancora più piacevoli dall’ottimo cibo e da momenti per l’intera famiglia

BioEcoGeo_Carroponte_2016

Giovedì 2 giugno prende il via la settima edizione di Carroponte. La lunga kermesse musicale dell’estate milanese, ospitata dall’area archeologico-industriale di via Granelli 1, accoglie la prima tappa del festival culturale itinerante Fuori Luogo – Racconti e Incontri di Letteratura Migrante, curato dal Comune di Sesto San Giovanni in collaborazione con Arci Milano. Sotto le architetture di Carroponte, spazio a una tavola rotonda con autori internazionali, laboratori interculturali, danze e alle note live della Mamud Band .
Venerdì 3 giugno, invece, microfoni e amplificatori tornano protagonisti assoluti con l’opening della stagione live. Sul palco di Carroponte, le rime di Ghemon aprono un viaggio in musica lungo quattro mesi, con 100 giorni consecutivi di programmazione fino a settembre. Ad attendere il pubblico in questa settima edizione di Carroponte, 3 palchi per oltre 150 eventi, tra concerti e attività collaterali, un grande schermo conteso tra la magia del cinema e le emozioni sportive degli Europei di calcio, 4 differenti ristoranti e 4 punti bar.

Tra il verde del parco archeologico industriale ex Breda, a pochi passi da Milano, un colorato universo di irresistibili note, golosi sapori da scoprire, perle del grande schermo da guardare sotto le stelle, avvincenti partite della Nazionale, divertenti laboratori per i più piccoli, ottimo luppolo per i più grandi e, soprattutto, tanta voglia di vivere un’altra estate insieme. “Ormai da sette anni la stagione estiva di Carroponte è un punto di riferimento per la musica, la cultura, lo svago e la socialità dell’intera area metropolitana di Milano e anche oltre. Credo che la scommessa fatta anni fa dal Comune di Sesto, che ha deciso di trasformare una fabbrica dismessa in un parco urbano attrezzato per gli eventi, sia da considerare vinta, anche grazie all’impegno di Arci che ogni anno organizza un festival di grande qualità”, commenta il Sindaco di Sesto San Giovanni, Monica Chittò.
Per questa settima edizione dalla programmazione ricca di appuntamenti musicali (la maggior parte dei quali a ingresso gratuito) il Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, sarà presente con i propri distributori a disposizione di chi volesse rifrescarsi con ottima acqua del rubinetto, gratuita e a km zero.
Forte è la valenza del progetto soprattutto nell’ottica del risparmio nel consumo di plastica e quindi di materiale inquinante. Ipotizzando infatti che almeno una persona su quattro deciderà di non comprare una bottiglietta d’acqua, prediligendo quella erogata dai distributori del Gruppo, sarà possibile evitare l’utilizzo di 100.000 bottigliette, l’equivalente di 4.000 kg di plastica e 9.200 kg di C02.



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + sedici =