Tre Cime Di Donne

jane_austen_house_museum_writing_table_p&p


All’inizio fu il nome Zenana, il gineceo indiano: 9 camere, tutte con nome di una donna famosa nella storia o nella letteratura, ciascuna con uno charme e un design a sé (Zenobia, Lakshmi, Giselle, Audrey, Anastasia, Samblana, Elena, Modjadji, Coco, vedi). Un luogo magico che sa di casa dal profumo di torta, che risale al 1753, quando apparteneva a un sarto e poi a un guantaio. E diventato successivamente, nel 1859, uno dei caffè viennesi più importanti dell’Alta Pusteria.

Specchi Zenana

Breakfast Zenana1

Calda come la sua storia, questa dimora narra vite di donne, avvolte da pizzi, perle e merletti, un racconto che si svolge anche attraverso oggetti scelti con passione, dedizione e ricercatezza da Anna, padrona di atmosfere pervase da profumi di candele e incensi, avvolte da stoffe preziose, risalenti a diversi periodi storici, che accolgono i pensieri di chi varchi la soglia in cerca di riposo e ispirazione che arrivi da maestose montagne e freschi boschi. Un’aura d’altri tempi sorride e dà il benvenuto.

Un mondo di donne, nel cuore dell’Alta Pusteria, che, ora come allora, porta una ventata di leggera e speziata aria fresca in un luogo che attira sempre di più scrittori, giornalisti, registi, attori ma anche semplici turisti alla ricerca di uno spazio della natura che allontani pensieri, preoccupazioni e rumori di un caos quotidiano che spesso soffoca, avvilisce, affievolisce, ammutolisce e sfianca.

Siamo a San Candido e qui, all’ombra di alberi lussureggianti e fiori colorati, un piccolo gruppo di creative capaci ancora di immaginare presente e futuro con allegria, fantasia e intelligenza, ha pensato di ricordare quanto spesso Natura rimi con donna e lettura. Oltre che con laboriosità intelligente.

Con sullo sfondo il dolce rumorio di un ruscello leggero che culla, fra i vivaci locali dello showroom di Tonini Interiors (vedi) e i delicati interni del Boutique Hotel Zenana inizia questa solidarietà tra donne, italiane e dalle origini lontane: Elisabetta, Anna e Stefania partono con Tre Cime Di Donne, un ciclo di cinque mercoledì che si susseguiranno a partire dal prossimo 27 Luglio alle 20h45.

Breakfast Zenana2Serate a tema, con protagonista il “gentil sesso”, che partiranno negli spazi di Tonini Interiors, con relazioni, interviste e letture (e chiacchierate), per concludersi nel caldo e accogliente Zenana, a pochi passi, per un piccolo rinfresco (un vin d’honneur), a base di dolcetti, marmellate, miele, tisane e thè di tutto il mondo. Tutto rigorosamente naturale, artigianale e biologico. Un toccasana per mente, anima e corpo. E poi mens sana in corpore sano

Logo tre Cime di DonneSe le Tre Cime ricordano immediatamente le vicine imponenti Cime di Lavaredo, essa simboleggiano anche punte, quasi di diamante, che svettano verso un cielo limpido, quello che una donna è e fa ogni giorno, gestendo famiglia, casa e lavoro con armonia, passione, amore e pure qualche sacrificio.

La parola a loro dunque, in serate che promettono orizzonti interessanti e belle voci concordi.

Il 27 Luglio aprirà l’autrice Barbara Gramegna con View Into Rooms, una lettura di brani tratti da diverse epoche, uno sguardo in alcune “stanze” dell’animo, fra libri e musica, accompagnato dalla bellissima voce jazz di Elisa Venturin. Vi saranno brani da Kitchen, di Banana Yoshimoto, da Una stanza tutta per sé, di Virginia Woolf, da L’eleganza del riccio, di Muriel Barbery, oltre che alcune poesie di Konstantinos Petrou Kavafis, Alda Merini e Ernesto Ragazzoni. Se poi la stanza si affaccia sulle montagne e lascia correre lo sguardo e i sogni lontano, il gioco è fatto…

13645072_10155082122853146_3100746277087451923_nBarbara è nata a Bolzano e si ritiene da sempre sospesa fra due culture. Si occupa di formazione e didattica e scrive testi di vario genere privilegiando poesia, racconto breve e teatro. Collabora al blog womenoclock (vedi) con articoli, interviste e relativi a questione di genere. Sente la musica e la scrittura, e quindi la lettura, come componenti indispensabili dell’esistenza, senza le quali la vita sarebbe un attonito silenzio. Per questo, oltre a cimentarsi col canto, propone reading di vario genere, dove i suoni delle parole e quelli della musica desiderano evocare immagini e suscitare emozioni in un pubblico che sceglie intenzionalmente questa diversa forma di spettacolo (per il suo blog vedi).

jazz-festival-footerLa voce di Elisa Venturini (vedi) accompagnerà i reading, un giovane talento che si avvicina alla musica fin dall’età di tre anni. La curiosità e l’amore per la musica la portano a frequentare il Conservatorio Claudio Monteverdi di Bolzano, dedicandosi allo studio del violino. Nel 2003, si iscrive all’Accademia filarmonica di Bologna, dove frequenta corsi in doppiaggio, dizione, recitazione e tecniche di canto, una formazione artistica tra cinema e musica. Oggi è attiva a livello concertistico in Europa e Italia. Nel 1996, partecipa al Festival Internazionale per giovani orchestre di Barcellona. Dal 2003 al 2005 canta allo stadio Meazza di Milano e agli stadi Flaminio e Olimpico di Roma in occasione delle Partite del cuore. Dal 2005 tiene regolarmente concerti in Austria e Svizzera, partecipando a importanti Jazz Festival internazionali come il Merano in Jazz e il Sudtiroler Jazz Festival. Nel 2010, incide, a New York, il primo disco dell’omonimo Elisa Venturin Trio con i musicisti americani John Menegon e Peter Tomlinson. Tutto ciò fa di lei una musicista ricercata per il suo talento e la sua professionalità, rendendola una delle cantanti più apprezzate della scena jazz e pop del Trentino Alto Adige. Dal 2006 è docente di canto e “vocal coach” per band emergenti presso il CESFOR di Bolzano. Altra donna “da cima”, con la musica nel cuore.

copertina-we-animals-299x240Il 3 Agosto seguirà l’intervento di Cristina Pascotto, fondatrice, con il fratello Guido Giuseppe, della casa editrice Safarà e oggi suo responsabile editoriale (vedi). Nata a Pordenone nel 1986, Cristina scopre presto un instancabile interesse per letteratura e cinema e, dopo la laurea in Filosofia presso l’Università degli Studi di Padova, si trasferisce a New York per studiare regia cinematogra­fica alla New York Film Academy, dove si diploma nel 2012. Lavora in dieci produzioni tra corto/lungo metraggi e video musicali. Grazie ai suoi studi e all’esperienza statunitense approfondisce il mondo della traduzione saggistica e letteraria e, nel 2014, cura la prima traduzione ed edizione italiana di 12 Anni Schiavo di Solomon Northup, e, in seguito, le pubblicazioni di Juhani Pallasmaa all’interno della nuova collana La Mano che Pensa e traducendo NESTING. Fare il nido. Corpo, Dimora, Mente, opera dell’architetto Sarah Robinson. Nel 2015, crea la collana Animalia, dedicata alla relazione tra animali umani e animali non-umani e alle sue ripercussioni nell’ambiente sociale e naturale, di cui firma la traduzione della prima opera, NOI ANIMALI-WE ANIMALS della fotoreporter canadese Jo-Anne McArthur. Un gioiello di donna. Nido di idee ed emozioni.

Il 10 Agosto si potrà ascoltare l’esperienza dell’architetto Maria Franceschino, che vive e lavora a Istanbul, Un’italiana a Istanbul. Maria, dopo varie esperienze nella gestione di musei italiani e di design e progettista con il pallino dell’impiego delle energie rinnovabili in edilizia, ha preparato i primi modelli di render per progetti di Interior design, quali un caffè, studi e reception della capitale turca. Nulla di più attuale e sfidante.

cantaruttiIl 17 Agosto, sarà il turno di Ludovica Cantarutti, giornalista e scrittrice, che interverrà sul tema Scrivere, quando una passione diventa lavoro. Nata a Udine, giornalista culturale, svolge attività di operatore culturale e consulente nel campo della comunicazione. Per Electrolux Zanussi è stata consulente alle Relazioni Esterne dopo un’attività ventennale in azienda. Ha condotto Uffici Stampa per manifestazioni culturali, mostre d’arte, rappresentazioni di nuova teatralità di cui ha curato anche l’organizzazione. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, Il Piccolo, La Nazione. Ha ideato e realizzato un’originale iniziativa intitolata PoemCafè, performance di teatro e poesia nei caffè di Pordenone. Ha ricevuto vari riconoscimenti cui L’Arco d’Oro di Malamocco nel 1979, il premio nazionale Thiene, il premio Castello di Duino nel 1984 e, nel 1997, il Premio Il Racconto Infinito dell’Associazione Artisti di Firenze, per il manoscritto di I Signori della Memoria. Rivisti a Parigi, racconti su famosi personaggi parigini dell’Ottocento. E’ presente nell’Antologia delle scrittrici del Friuli Venezia Giulia dal 1945 ad oggi e nell’Antologia dei poeti del Friuli, oltre che nel volume Le donne di Esther, 86 ritratti di professioniste del trevigiano e del Nord Est. Ha fondato l’Associazione culturale via Montereale, di cui è tuttora presidente, per la diffusione della cultura della diversità intesa anche come altre culture. Vive e lavora a Pordenone ed è stata recentemente designata Rappresentante Onoraria per il Friuli Venezia Giulia presso l’Associazione Internazionale Amici della Biblioteca Alessandria d’Egitto-UNESCO. Un’altra donna speciale.

puschiaisIl 24 Agosto interverrà l’Avv. Barbara Puschiais, che parlerà del “diritto dei consumatori come una missione di vita”. Barbara, classe 1980, dal 2006 ad oggi è attiva nella Federconsumatori ricoprendo oggi la carica di Vicepresidente della Federconsumatori Udine, ed è Responsabile della Consulta Giuridica della Federconsumatori Friuli Venezia Giulia, oltre che componente della Consulta Giuridica della Federconsumatori Nazionale, legale fiduciario e componente del Consiglio Direttivo della Federconsumatori Nazionale. Il suo percorso di studi, professionale e associativo ha contribuito a una sempre maggiore specializzazione in materia di diritto civile, e in particolare di diritto dei consumatori, diritto bancario, diritto finanziario, appalto. E’ attualmente impegnata nella redazione di una proposta di legge sul sistema cooperativo a tutela dei soci e dei risparmiatori verso le banche. In particolare, sta gestendo le azioni giudiziarie nonché le trattative nei confronti di alcune banche venete al fine di poter far ottenere giustizia ai molti soci beffati. Un vero paladino del consumatore.

Il tutto in collaborazione con la Libreria Sovilla di Cortina, con il patrocinio dell’associazione Soroptimist di Pordenone e di Golden Book Hotels (vedi). Da seguire anche il gruppo facebook (vedi) e le dirette delle serate.

invito1

Appuntamento, dunque, per lo stesso giorno della settimana, il mercoledì, alla stessa ora, le 20h45, negli stessi luoghi, a San Candido, showroom Tonini Interiors (via Peter Paul Rainer 21/a) e Hotel Zenana (via Peter Paul Rainer 17). In uno spettacolo che è degno di un paradiso ritrovato, quello di monti, prati e alberi in fiore, sulle note di una musica dolce che accompagna i sogni, tenendoli amorevolmente per mano.

Confermare la partecipazione a : trecimedidonne@gmail.com



Simonetta Sandri

La volontà di condividere con i lettori la bellezza dell’universo resta per me la vera ragione della ricerca delle parole più adeguate per descrivere una meraviglia spesso indescrivibile. Perché, come il Principe Miškin ne L’idiota di Fedor Dostoevskij, anche io penso che la bellezza salverà il mondo.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 4 =