Un… fior fior di notizie

greennewspaperCome spesso accade, anche stavolta l’estremo oriente ci stupisce con le sue innovazioni in tema di sostenibilità.

Questa volta tocca a un giornale che se lo pianti, fiorisce! L’iniziativa è di una delle più note testate giapponesi, The Mainichi Shimbunsha, che ha ideato il “Green Newspaper”, un giornale realizzato con carta riciclata e vegetale che può essere piantata dopo la lettura. In realtà, il materiale di cui è fatto non è una novità assoluta: la carta piantabile, infatti, è nota ed è in commercio già da qualche anno e si presenta come un mix di carta riciclata, acqua e piccoli semi di fiori o piante aromatiche, facile da realizzare anche in casa.

La sua virtù è proprio il suo riutilizzo: una volta terminata la sua funzione, invece di gettarla tra i rifiuti, si sminuzza, si pianta e si annaffia e, nel giro di poche settimane, darà vita a piantine e fiorellini. Nessuno però ci aveva mai pensato a farne diventare un quotidiano. L’idea è venuta al consulente pubblicitario dell’editore “The Mainichi”, parte di una delle agenzie di comunicazione più importanti del Giappone, la Dentsu Inc.

La trovata, è il caso di dirlo, sta portando i suoi frutti, non solo dal punto di vista ambientale, ma anche economico: il giornale ecologico, infatti, ha riscosso un successo enorme raggiungendo la tiratura di oltre quattro milioni di copie al giorno in tutto il paese e un guadagno di circa otto milioni di yen, corrispondenti a più di seicento mila euro. Inoltre, l’iniziativa è stata portata anche nelle scuole, con una campagna di sensibilizzazione con i più piccoli sulle questioni ambientali e sull’importanza del riciclo, soprattutto della carta, per la riduzione di emissioni di CO2 causate dai tradizionali sistemi di smaltimento dei rifiuti.

Il colosso dell’editoria giapponese, però, è già noto per aver sostenuto in passato battaglie ambientali e sociali: famosissima una sua precedente campagna pubblicitaria sulle donazioni d’acqua per le popolazioni che soffrono la sete, rispettando una delle mission del “The Mainichi” che è quella di agire non solo attraverso l’informazione, ma anche risolvendo questioni di livello globale.



Stefania Divertito

Stefania Divertito, è giornalista d’inchiesta, specializzata in tematiche ambientali. Numerose le sue inchieste anche su argomenti delicati. Per citarne alcune: Uranio, il nemico invisibile; Amianto, storia di un serial killer; Toghe verdi, storie di avvocati e battaglie civili. Il suo ultimo lavoro è anche la sua sfida: un romanzo thriller con sullo sfondo il tema dello smaltimento illegale di amianto. Ha vinto il Premio Pasolini nel 2013 ed è stata cronista dell’anno nel 2004.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × cinque =