Giro del mondo a zero emissioni e zero rifornimento

Si può girare il mondo senza spendere 1 euro di carburante?
La risposta nel 2016 è SI’!

È questo l’ambizioso progetto di Pierpaolo Zampini, amministratore di Ecolibera s.r.l., società milanese che opera nel campo dell’innovazione immobiliare e realizza case completamente scollegate dalla rete e a bollette zero.
Il Progetto, denominato Tesla World Tour Ecolibera.it partirà  da Milano mercoledì 15 giugno alla Scoperta del Mondo, senza emettere un grammo di monossido di carbonio al fine di sdoganare la convinzione che l’auto elettrica rappresenta non solo il futuro, ma anche il presente per noi e per il nostro Pianeta.

Tesla_bioecogeo

Fissando una data di partenza, ma non una di arrivo, senza un percorso, una prenotazione o soste programmate, l’obiettivo è vedere tutto il Mondo in totale libertà,  senza sborsare 1 Euro per l’energia necessaria a ricaricare laTesla Model S P85D di PierPaolo, una comoda Supercar da 700 cavalli completamente elettrica, che seguirà il percorso tracciato dai Supercharger Tesla Motors che  caricano l’auto di energia pulita e gratuita  a 120.000watt di potenza in poco più di mezz’ora e consente alla vettura  di avere fino a  500km di autonomia.
Con i Supercharger cade l’ultima convinzione circa l’impossibilità di affrontare lunghi percorsi con auto completamente elettriche; le cariche effettuate durante pause pranzo e pernottamenti non rallenteranno assolutamente il viaggio anche perché il loro posizionamento strategico su autostrade ed hotel ne consente una fruizione ottimale.

Il viaggio sarà realizzato per step successivi, partendo nel 2016 con Europa, Stati Uniti e Giappone e proseguendo nel 2017 con Cina, Australia, Africa e Sud America.

BioEcoGeo insieme a Teslaitalia.it – Tesla Club Italy sarà partner del Tesla World Tour Ecolibera.it seguendo attraverso i nostri social e il nostro sito le tappe salienti del viaggio e approfondendo le tematiche di sostenibilità ambientale legate al nuovo modo di vivere, viaggiare ed abitare ad emissioni zero.

Sarà lo stesso Pierpaolo Zampini, organizzatore dell’Ecotour, a raccontare il viaggio intorno al Mondo:

«Con questo tour dimostreremo come non solo le auto elettriche saranno presto alla portata di tutti, ma anche come la mobilità elettrica cambierà il nostro modo di abitare e di vivere, partendo dalla necessità di caricare da casa il proprio veicolo elettrico e di poterlo fare ad emissioni zero, producendo in autonomia l’energia necessaria anche per il fabbisogno energetico della casa stessa e delle colture idroponiche e acquaponiche domestiche, azzerando i costi di bollette, ortofrutticoli, carburanti e mobilità. In un futuro non tanto lontano le persone potranno vivere e lavorare anche solo part-time in una casa autosufficiente dove la tecnologia permetterà di vivere gratis o quasi, grazie alla rendita prodotta dalle Ecosuite Depandance progettate per ospitare turisti di un ecoturismo diffuso ed organizzato per promuovere e condividere l’esperienza di vita “offgrid” scollegati dalla rete del gas e della luce».



Ecolibera

Ecolibera è una società di ricerca, sviluppo e progettazione di abitazioni autosufficienti energicamente e fa parte del gruppo Finlibera s.p.a. che si occupa di innovazione immobiliare. Gli amministratori Pierpaolo Zampini e Dario Mortini definiscono “Ecolibera” una casa ad altissima efficienza energetica, (Energy Plus Building) completamente offgrid, ossia scollegata dalla rete di luce, gas, rete idrica e fognaria, a bolletta zero, zero emissioni e con autoproduzione per autoconsumo di prodotti ortofrutticoli a km zero.


2 thoughts on “Giro del mondo a zero emissioni e zero rifornimento

  1. ugo sala

    Bellissimo esperimento, ma quando queste auto elettriche saranno disponibili a tutti e a quale prezzo?
    Saluti
    ugo sala

    Reply
    1. BioEco RedBioEco Red

      Caro Ugo, da un paio di mesi è uscita la Tesla Model 3 (in distribuzione in Italia l’anno prossimo) che, seppure ancora costosa, ha un prezzo pari alla metà della Model S (intorno ai 40mila €). La buona notizia non è però questa, bensì il fatto che in California stanno già lavorando per il prossimo modello che sarà – a quanto dicono in casa Tesla – davvero alla portata di tutti. Occorrerà avere ancora un pò di pazienza.

      Reply

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − cinque =