Vacanze di Pasqua bio? Il posto giusto è la Romagna!

Una regione dalla tradizione culinaria importante il cui territorio si è convertito per buona parte al biologico dando così alle strutture alberghiere la possibilità di offrire cibi biologici a chilometro zero

BioEcoGeo_Hotel_Sammaritani_colazione
Pasqua è ormai alle porte e con essa anche la voglia della famosa scampagnata. Ma perché non approfittare di questa festa unendola al ponte del 25 aprile per concedersi qualche giorno di vacanza? Magari al mare, per assaporare i primi caldi e, se siete coraggiosi, per tentare anche il primo bagno della stagione.
Per i meno temerari invece, potrebbe comunque essere l’occasione per rilassarsi un po’ nell’attesa delle vacanze estive e per concedersi del buon cibo, delle sane passeggiate sulla spiaggia, visite delle piccole e graziose cittadine e serate in cui far notte fonda.
Molti sono i luoghi in Italia in cui poter godere di tutto ciò, ma sicuramente la Riviera Romagnola spicca su tutti grazie alle sue numerose spiagge comode e attrezzate anche fuori dalla stagione estiva e dove la cultura culinaria è una questione estremamente seria. Quale momento migliore della Pasqua per godere quindi di ricette oltre che buone, anche particolari e tradizionali?

 

La Pasqua in Romagna
In Emilia Romagna la domenica di Pasqua inizia con una colazione a base della tipica pagnotta pasquale accompagnata da uova sode (benedette nei giorni precedenti) e dal salame casereccio. La leggende vuole anche un buon bicchiere di sangiovese ad accompagnarla, ma quello lo si può anche lasciare agli stomaci più indefessi.
Il pranzo prosegue poi con un ricco piatto di lasagne verdi o con la Tardura, antica minestra in brodo il cui gusto ricorda quello dei passatelli romagnoli. Il secondo piatto può ricadere nel consueto agnello ma anche in un piatto a base di coniglio, animale da cortile molto diffuso in questa regione, oppure su un pesce della tradizione più marinara.

Oltre alla tradizione, la Romagna strizza l’occhio anche alle nuove tendenze e sensibilità che vedono gli italiani sempre più attenti ai cibi sani e legati al territorio. Secondo una recente ricerca sul rapporto tra gli italiani e il cibo, è infatti emerso che buona parte dei nostri connazionali (il 53,9%) acquista e consuma prodotti biologici, a chilometro zero e rispettosi dell’ambiente. E li sceglie anche per i pasti fuori casa o in vacanza.

Per hotel e ristoranti di questo tratto di costa, offrire prodotti biologici è un modo anche per promuovere il territorio, vistco che l’Emilia Romagna è la quinta regione in Italia per numero complessivo di operatori con il 15% dell’intera superfice agricola coltivata senza pesticidi e diserbanti. Frutta, ortaggi ma anche allevamenti bovini si sono convertiti al biologico, dando così la possibilità alle strutture alberghiere più attente di offrire ai propri ospiti cibi sani e biologici.
Ad aver colto questa opportunità, tra gli altri, c’è anche l’Hotel Sammaritani, un hotel biologico a Torre Pedrera a due passi dal mare , località balneare riminese, che ha fatto della cucina biologica e della sostenibilità ambientale una delle sue caratteristiche predominanti.

 

 

Oltre ad una cucina biologica basata su ricette sempre diverse e dal taglio innovativo, l’Hotel Sammaritani ha abbracciato infatti anche una filosofia ecosostenibile che lo ha portato a ristrutturare completamente l’hotel. Le 18 camere sono state infatti tutte ammodernate per renderle più belle e comode ma anche più sostenibili (infissi che evitano dispersioni verso l’esterno, luci a basso consumo, piccoli elettrodomestici in classi energetiche evolute….).
I proprietari dell’hotel hanno deciso d intraprendere, sotto l’egida della sezione Turismo di Legambiente, un percorso che li porterà ad avere a breve un hotel 100% Green.

L’hotel è a soli 150 metri dalla spiaggia e dai numerosi stabilimenti di Torre Pedrera presso i quali è possibile praticare sport, divertirsi con gli animatori ma anche donare un soggiorno speciale ai più piccoli grazie alle numerose attività a loro dedicate. Per rendere l’hotel ancora più green, è possibile raggiungere la destinazione in treno o autobus ed essere recuperati alla stazione dal personale dell’albergo.

Cosa aspettate quindi a prenotare le vostre vacanze bio in Romagna?



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − 7 =