Chiusura del commercio illegale di animali selvatici nei mercati asiatici

Pubblichiamo la dichiarazione del WWF sulla chiusura del commercio illegale di animali selvatici nei mercati nella regione dell’Asia del Pacifico.

BioEcoGeo_Corona_Virus

 

«Siamo profondamente rattristati dalla perdita di vite umane a causa dell’epidemia di Coronavirus e i nostri pensieri sono rivolti alle famiglie che hanno perso i loro cari o che sono malati. La decisione del governo cinese di vietare temporaneamente la vendita di animali selvatici in mercati, ristoranti e online è benvenuta, date le circostanze. Sebbene sia evidente l’impatto negativo del commercio illegale di specie selvatiche sulle piante, sugli animali e sulla biodiversità globale, l’attuale diffusione del Coronavirus, nonché della SARS, della MERS e di altri focolai della storia recente, sottolinea la necessità di agire con urgenza e sensibilizzare le potenziali minacce per la salute umana poste dal commercio illegale o non regolamentato di specie selvatiche».

Mercati illegali di fauna selvatica
I mercati illegali di animali selvatici sono comuni in molti paesi asiatici, in particolare in aree come il Triangolo d’oro del Mekong, dove Laos, Thailandia e Myanmar si incontrano. I lacci predisposti dai bracconieri per fornire carne di animali selvatici sono diventati un problema diffuso. Di conseguenza, molte delle foreste asiatiche si stanno esaurendo delle loro popolazioni endemiche di animali selvatici (tra cui numerose specie in pericolo, il cui commercio è proibito o rigorosamente regolamentato).

Sfortunatamente, l’applicazione delle leggi in molti di questi mercati illegali della fauna selvatica è debole o spesso inesistente. Non solo queste attività illegali minacciano la biodiversità, ma l’assenza di controlli veterinari li rende una minaccia per la salute delle persone e degli animali domestici, con il potenziale impatto sulle comunità e le economie sia a livello locale che globale.
Il coronavirus è una malattia zoonotica, nel senso che è una malattia infettiva causata da batteri, virus e parassiti che si diffondono tra animali e umani. Resta inteso che è mutato in un ambiente in cui è entrato in contatto con le persone ed è stato in grado di adattarsi in modi che consentano la trasmissione alle popolazioni umane. I mercati della fauna selvatica possono quindi potenzialmente fornire un ambiente favorevole per questo tipo di mutazione virale.
Inoltre, il sud-est asiatico è un importante centro di transito e turismo, con paesi come la Thailandia e la Cambogia che sono destinazioni popolari per le persone che viaggiano dalla Cina e dal Vietnam, specialmente durante il periodo dell’anno attorno al capodanno lunare.

BioEcoGeo_mercati_illegali_Asia

 

Il pericolo dei giardini zoologici privati
Il Pakistan non è un importante paese consumatore di fauna selvatica, ma è noto come un importante fonte e transito per molte spedizioni illegali di fauna selvatica dirette principalmente ai paesi dell’Asia orientale. Esistono anche mercati illegali di animali selvatici in quasi tutte le principali città, che si occupano del commercio illegale di specie protette e in via di estinzione tra cui tartarughe d’acqua dolce e marina, uccelli, rettili e mammiferi, ecc .; così come animali vivi, loro parti e prodotti compresa la pelliccia.
Le tartarughe da compagnia, ad esempio, sono portatrici conosciute di batteri Salmonella. Anche un aumento del numero di giardini zoologici privati, voliere e animali domestici esotici (in particolare i grandi felini) è una nota causa di preoccupazione a livello internazionale. Ci sono oltre 300 zoo privati ​​in Punjab e Sindh istituiti senza alcun sistema di monitoraggio e sorveglianza in atto, né esistono adeguate disposizioni normative e di gestione per lo smaltimento, l’allevamento, la manipolazione e la vendita delle carcasse. ”

 

BioEcoGeo_Hammad_Naqi_Khan«Questa crisi di salute pubblica è un campanello d’allarme per il mondo», ha dichiarato Hammad Naqi Khan, direttore generale, WWF-Pakistan. «Se non eliminiamo il bracconaggio e il commercio illegale di animali selvatici in pericolo di estinzione e loro parti, come carne di animali selvatici, valore medico percepito o animali domestici, ci sarà sempre la minaccia di questo tipo di epidemia in futuro.
Il WWF lavorerà a stretto contatto con i governi della regione dell’Asia del Pacifico per rafforzare ulteriormente i sistemi giuridici nazionali e internazionali e coinvolgere i settori della sanità pubblica per porre fine in modo permanente al commercio illegale di specie selvatiche, compresa la chiusura di mercati non regolamentati della fauna selvatica.



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + 18 =