ENGIE gestirà la svolta green dell’Università degli Studi di Teramo

Riqualificazione degli impianti di energia termica ed elettrica per un risparmio complessivo di 4.000 ton di emissioni di CO2 e installazione delle prime stazioni di ricarica per veicoli elettrici.

BioEcoGeo_ENGIE_università_Teramo

 

ENGIE Italia, player globale dell’energia, ha stipulato con l’Università un contratto di 15 anni per l’affidamento dei servizi di gestione termica ed elettrica e la manutenzione degli impianti dell’Università. ENGIE progetterà e realizzerà interventi di riqualificazione negli impianti di tre edifici universitari: le facoltà di Scienze Politiche, Giurisprudenza e AgroBioVeterinaria.
Verranno, inoltre, realizzate anche le prime infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici sulle aree di sosta dell’Ateneo.

Un progetto che porterà benefici all’Università, con un risparmio annuo di energia termica del 9% e di energia elettrica del 12%, e all’ambiente evitando l’emissione in atmosfera di 4.000 tonnellate di CO2 totali per tutta la durata dell’accordo, equivalenti alla piantumazione di 26.700 alberi nell’Ateneo.

«La partnership con ENGIE Italia segna una significativa svolta green per il nostro Ateneo. La riqualificazione degli impianti di tre edifici universitari, legati ad altrettante importanti facoltà, porterà benefici sia in termini di maggiore efficienza energetica sia di  un minore  impatto  ambientale  del  nostro Ateneo» afferma Berardino Ciampana, Responsabile dell’Area Servizi Tecnici dell’Università di Teramo. «Inoltre, l’installazione della prima stazione di ricarica per veicoli elettrici della zona va a completare il progetto con un importante valore aggiunto nel migliorare la qualità della vita di chi ogni giorno frequenta e vive la nostra Università».

«Investire nell’efficienza energetica – dichiara Fabrizio Di Battista, Direttore Area Adriatica-Sud di ENGIE Italia – comporta non solo risparmi nelle bollette, ma anche maggiore comfort e più adeguati standard di sicurezza, oltre ad un rilevante incremento del valore patrimoniale degli edifici. Il ruolo e l’esempio del settore pubblico è decisivo e trainante per tutti. Sono 21 in Italia le Università con cui ENGIE collabora nella realizzazione di progetti di efficienza energetica. Ci auguriamo che la scelta lungimirante intrapresa dall’Università di Teramo, rappresenti un riferimento di attenzione all’ambiente, sia comportamentale che tecnologico, anche per altri Atenei».

 



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × due =