Il 75% dell'energia utilizzata dalla Apple è "energia pulita"

La corsa all’energia pulita di Apple ha dato i suoi frutti. Sembrava un’utopia appena tre anni fa, quando la casa di Cupertino aveva annunciato che due terzi del suo fabbisogno energetico totale sarebbe stato coperto dalle energie rinnovabili. Nel 2010 infatti appena il 35% del consumo (che vedendo la media è comunque tanto) poteva essere garantito, mentre ora ha raggiunto soglie incredibili. Ma non solo. Questo obiettivo è stato possibile grazie ai nuovi data center che vengono alimentati al 100% dall’energia pulita.

Com’è risaputo, uno dei principali costi che le aziende IT sostengono è dovuto all’alimentazione dei data center che divorano grandissime quantità di energia per funzionare e raffreddarsi, e di conseguenza sono responsabili anche delle emissioni. La Apple invece ha avviato qualche anno fa una sorta di “operazione pulizia” con l’obiettivo di alimentare i propri data center con le fonti rinnovabili. L’operazione è stata così redditizia che oggi è stato raggiunto l’obiettivo del 100%.

Per raggiungere questo traguardo l’azienda non si è limitata ad installare pannelli, ma ha anche ridotto i propri consumi, come dimostra uno dei data center più recenti realizzato in Carolina del Nord, il quale ha ottenuto la certificazione energetica LEED Platinum. Ma sono state adottate anche tecniche intelligenti come l’utilizzo dell’acqua refrigerata al posto dei getti d’aria per abbassare le temperature delle macchine, la realizzazione di un tetto completamente bianco per respingere i raggi solari, o la sostituzione di tutti i tipi di lampadine con quelle LED. Inoltre gli impianti più recenti utilizzano anche una buona percentuale di materiale riciclato (14%), e materiale a chilometro zero (41%). Ed ora non resta che ultimare l’opera.

Nel complesso, uscendo dai data center e valutando l’intera attività dell’azienda informatica, le rinnovabili coprono il 75% dell’energia utilizzata, producendo la stessa quantità che basterebbe ad alimentare oltre 17 mila abitazioni. Ma l’obiettivo futuro non poteva essere diverso: raggiungere il 100%. A questo scopo però la Apple non effettuerà altre installazioni di turbine o pannelli solari, altrimenti si trasformerebbe in una utility energetica, ma collaborerà con altri produttori per acquistare dalle rete solo energia proveniente dalle rinnovabili.

Fonte:www.ecologiae.com




Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 1 =