Lampedusa, il sogno dell’isola Tartaruga

La Porta d'EuropaLa grande poetessa Alda Merini ha dedicato a Lampedusa una poesia che pare racchiudere, nei suoi pochi versi, l’essenza di questa isola straordinaria. Un luogo che ha in sé la forza della vita e che è davvero una tartaruga, con il suo carapace roccioso, a prima vista inospitale e selvaggio, ma che nel corso dei secoli è stato ancora di salvezza per pescatori, naviganti, viaggiatori e migranti, che qui sono approdati in cerca di rifugio. Lampedusa è poco più di un punto nel cuore blu del Mediterraneo. Venti chilometri quadrati posti proprio sul 35° parallelo, più vicini alle coste dell’Africa che a quelle della Sicilia:  205 chilometri la separano da Agrigento, 203 dalla Libia e appena 167 dalla Tunisia. Un’isola lontanissima, estremo sud d’Italia e d’Europa, e al tempo stesso porta d’ingresso del nostro paese e dell’intero continente.

di Francesco Vietti

Per continuare a leggere l’articolo acquista BioEcoGeo in edicola o ABBONATI



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici − 6 =