Legambiente denuncia l'affare delle bottiglie di plastica

Solo in Italia, o almeno soltanto in italia a questi livelli, il ricorso all’acqua in bottiglia di plastica piuttosto che a quella di rubinetto è diventato un vero e proprio “affare”. Per questo Legambiente ha presentato il rapporto “un imbarazzante storia italiana” per denunciare la situazione.
Un giro d’affari pari a 2,25 miliardi di euro che riguarda 168 società per 304 diverse marche commerciali; l’uso di oltre 6 miliardi di bottiglie di plastica prodotte utilizzando 456 mila tonnellate di petrolio, che determinano l’immissione in atmosfera di oltre 1,2 milioni di tonnellate di CO2: c’è – sostiene Legambiente – un vero e proprio business dentro una bottiglia d’acqua. L’abitudine tutta italiana di preferire l’acqua in bottiglia a quella del rubinetto innesca, infatti, un meccanismo economico che porta immensi guadagni alle aziende imbottigliatrici e un’enorme consumo di risorse per il Paese, oltre ad alti livelli di inquinamento indotto e consumo di risorse.
Nel suo rapporto Legambiente analizza il fenomeno e in conclusione propone di tassare le acque in bottiglia per reinvestire il provento fiscale nel territorio.

www.lastampa.it




One thought on “Legambiente denuncia l'affare delle bottiglie di plastica

  1. David Armanini

    Assieme a Legambiente ed ad altre instituzioni, Prothea sta portando avanti un progetto di sensibilizzazione all’uso dell’acqua del rubinetto: http://www.labbiamoimbroccata.it
    Sul sito potete trovare ristoranti e aziende che si impegnano per la diffusione dell’acqua del rubinetto!

    Reply

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 1 =