Centrale idroelettrica di Ponte Mas: la più green di tutte

Ha preso il via oggi la Greenweek  con la prima parte della settimana: un tour di tre giorni – da martedì 1 a giovedì 3 marzo 2016 – che si sviluppa sul territorio delle Venezie alla scoperta delle aziende più innovative per conoscere le tecnologie e i prodotti che segneranno il futuro in diversi campi: dall’energia alla logistica, dall’architettura all’agroalimentare, dal design all’automazione.
Tra queste aziende, ce n’è una particolare che è la centrale di Ponte Mas, che ha la caratteristica di essere ancora più green e innovativa rispetto agli impianti idroelettrici del resto del territorio nazionale.

Ponte-Mas3

La centrale è stata concepita per inserire le nuove opere nella traversa già esistente di un vecchio impianto idroelettrico non più attivo: tale scelta ha permesso di limitare notevolmente gli effetti del cantiere durante la realizzazione dell’opera e ha ridotto considerevolmente gli impatti sul corso d’acqua e sul paesaggio circostante. Dotato di una turbina a coclea, l’impianto è dimensionato per utilizzare al meglio le portate d’acqua disponibili, arrivando a produrre un’energia di quasi 1’000’000 di chilowattora ed evitando l’emissione in atmosfera di 531 tonnellate di anidride carbonica e di 1,5 tonnellate di ossidi di azoto.

«Un’energia completamente a km zero – afferma Andrea Ferrazzi di Confindustria Belluno Dolomiti -, anche se, a voler essere pignoli, sarebbe più corretto dire a km 0,08: sono infatti soltanto 80 i metri del collegamento tra la centrale e la rete di Enel che distribuisce l’energia nel territorio. Oltretutto, il collegamento è completamente interrato e non crea alcun impatto sul paesaggio».

Ma perchè questa centrale è la più rispettosa dell’ambiente?
«Oltre ai ridotti impatti a livello di costruzione per aver realizzato le opere su una struttura esistente – continua Andrea Ferrazzi – è importante evidenziare che, a differenza dei classici impianti con condotta, la centrale di Ponte Mas prende e restituisce l’acqua sullo stesso punto del Cordevole, evitando così la sottrazione della stessa dall’alveo del torrente. Inoltre, la nuova scala di risalita per i pesci comporterà addirittura un “impatto” positivo sulla fauna ittica, in quanto permetterà il superamento dello sbarramento esistente che, prima della realizzazione dell’impianto, non era fisicamente possibile».

Perché patecipare alla Green Week?
«Il tema di fondo della Green Week 2016 “Io non spreco” è un imperativo morale, economico e sociale per porre al centro il risparmio ed il riuso delle risorse sia nell’ambito dei consumi personali e collettivi, sia nei modi di produrre da parte delle aziende. La centrale di Ponte Mas ben rispecchia questi valori grazie alla produzione di energia da una fonte pulita e rinnovabile come l’acqua ed è quindi un fulgido esempio delle tematiche proposte durante la Green Week. Inoltre la produzione di energia dall’acqua è un tema che desta sempre molta curiosità: vedere come l’energia potenziale dell’acqua possa generare energia elettrica attira sempre l’interesse del visitatore che può “toccare con mano” l’intero ciclo produttivo . Altrettanto interessante sarà anche constatare la compattezza di una centrale idroelettrica e come essa possa essere “mascherata” in un manufatto esistente grazie ad un attento studio progettuale ed ambientale».

La visita alla centrale avrà luogo  mercoledì 3 marzo 2016. Per iscrizioni e informazioni clicca qui!



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − dieci =