Venezia: ora più accessibile a tutti e un po’ più green

Inaugurata a Venezia la prima piattaforma galleggiante dotata di un’apposita pedana idraulica in grado di adagiare la carrozzina direttamente all’interno della gondola, in tutta sicurezza.

Venezia accessibile

 

«Venezia è bella…ma non ci vivrei». Ciascuno di noi avrà sentito questa frase decine di volte nella vita. Ed è vera. Tutti amiamo la città delle gondole, ma in pochi sono disposti a fare i conti con le difficoltà logistiche che un luogo come questo fatto di ponti, scalini, vaporetti e gondole comporta.
Ed è per questo che la maggior parte di noi, a Venezia, si limita a fare il turista.
Tra questi turisti però, ce ne sono alcuni che non possono viverla a pieno. Stiamo parlando di chi si muove con una sedia a rotella e per il quale ammirare la città diventa complicato se non addirittura impossibile a causa di innumerevoli barriere architettoniche tipiche della città stessa.
Per queste persone a Venezia tutto diventa più complicato. Anche un semplice giro in gondola.
Ed è per questo che l’associazione veneziana Gondolas4all, capitanata da due gondolieri Alessandro e Enrico, si è fatta promotrice di questa difficoltà portando a termine una missione importante: rendere Venezia e le sue gondole più accessibili a tutti.
«Troppe volte – affermano Alessandro e Enrico – abbiamo visto le nostre gondole come un sogno irrealizzabile per le persone in carrozzina che ci osservavano dai pontili. In molte occasioni abbiamo scelto di imbarcare a braccia alcuni clienti, assumendoci però tutte le responsabilità di quest’operazione decisamente non usuale».
Da oggi non sarà più così. È stata infatti inaugurata la prima piattaforma (a Piazzale Roma, dietro la Stazione ferroviaria) dotata di un’apposita pedana idraulica in grado di adagiare la carrozzina direttamente all’interno della gondola, in tutta sicurezza.

A tagliare il nastro e a dimostrare l’effettivo funzionamento della piattaforma (che entrerà in funzione tra un mese) sono stati i protagonisti dell’associazione e due personaggi speciali: Nicolò, bambino di sette anni testimonial del video di Gondolas4all, e Pietro Scidurlo, 37enne di Somma Lombardo (Varese), già atleta di handbike di Free Wheels Onlus.

BioEcogeo_veneziaIl progetto è stato reso possibile anche e soprattutto grazie all’impegno di due aziende private: il Gruppo Lucart, multinazionale leader nella produzione di prodotti in carta ad uso igienico e domestico (conosciuto sul mercato con il marchio Tenderly) e Rein, leader nelle costruzioni in ambiente marino e lagunare.

Il pontile galleggiante è stato costruito da Rein utilizzando la plastica riciclata proveniente dalla cartiera Lucart.
Cosa c’entra la plastica riciclata con una cartiera? C’entra eccome perché Lucart ha una linea totalmente ecologica “Grazie Natural”, prodotta con il materiale fibroso recuperato dai cartoni per bevande ed alimenti.
Del Tetrapack viene utilizzata la carta per produrre fazzoletti e carta igienica e il resto del materiale (alluminio e polietilene) viene trasformato in materiali differenti quali ad esempio articoli da cartoleria, pali da ormeggio nautico e ponteggi in acqua.
Ora Venezia, oltre ad essere più accessibile per tutti, sarà anche un po’ più sostenibile per l’ambiente.

 



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


One thought on “Venezia: ora più accessibile a tutti e un po’ più green

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − 15 =