Pedalare per riscoprire le valli dimenticate

Itinerari nel verde in Valle Trompia e Valle Sabbia aspettando l’inaugurazione ufficiale della Greenway delle Valli Resilienti
(28-29 settembre)

Grazie alla particolare conformazione del loro territorio, diviso tra montagne, ampi spazi e corsi d’acqua, le Valli Resilienti sono il luogo ideale per un’esperienza in sella alla propria bicicletta.
Siamo nelle Prealpi Bresciane, nelle valli Trompia e Sabbia interessate dal Programma AttivAree di Fondazione Cariplo dedicato alla rinascita delle aree interne, in un territorio che offre una serie di percorsi ciclabili ben collegati alle strutture ricettive e turistiche della zona e ai punti di interesse storici e naturalistici.

BioEcoGeo-resilienti-bicicletta

Questa rete di sentieri, che si estende per più di 1.500km attraverso le due valli, prevede percorsi per mountain bike, slow e road bike. I sentieri dedicati alla MTB sono circa 50 e si snodano attorno al crinale lungo 70km con una media di 35km per itinerario.
Le due ciclabili slowbike risalgono la Valle Trompia per 30 km e la Valle Sabbia per 45 km, mentre la road bike gode di un anello principale su strada da 120 km oltre a diverse varianti. Sono tutti facilmente raggiungibili, dato che distano meno di 30 km dalla città di Brescia.

Presto questi lunghi e pittoreschi percorsi, che passano anche dalla cima del Monte Maniva fino alle rive del lago d’Idro (le due meraviglie naturali delle Prealpi Bresciane), entreranno ufficialmente a far parte di una Greenway delle Valli Resilienti, un circuito ciclistico che ha preso forma e valorizzazione grazie all’intervento congiunto di Fondazione Cariplo e delle due Comunità Montane e che consente alle valli di guardare a un turismo sostenibile che passi anche dalla passione per la bicicletta e che possa accogliere tutti, dai professionisti alle famiglie con bambini.

L’inaugurazione ufficiale è prevista il weekend del 28-29 settembre. Il primo giorno gli appassionati di mountainbike potranno testare i due percorsi MTB della Greenway. Il primo, da 8km, è aperto anche ai non esperti, con sterrati dolci che porteranno da Crone (BS) fino alle cascate del Monte Manos. Il secondo, da 25 km, è invece pensato per i biker più allenati e passerà da Idro (BS) e dal Monte Stino. Entrambi i percorsi saranno accompagnati da una guida esperta, in grado di dare consigli nei settori più impegnativi e di condurre il gruppo attraverso i punti panoramici più suggestivi. Al campo base di Crone (BS) sarà possibile degustare prodotti locali e provare MTB ed E-bike messe a disposizione dai negozi della zona.

Il secondo giorno, domenica 29 settembre, si aprirà con la presentazione del percorso slow: partenza alle 7:30 dal parcheggio della Metro Prealpino di Brescia e scelta tra il percorso medio di 60km oppure quello lungo da 72 km, guidati dalla FIAB (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) bresciana.
Il villaggio e punto di ristoro sarà allestito al Forno Fusorio di Tavernole, un luogo dalla forte valenza storica che offrirà, per tutta la giornata, momenti di grande intrattenimento per tutti i partecipanti.

Parallelamente all’iniziativa slow, si terrà la randonnée alla scoperta del percorso road. La partenza, libera, è prevista tra le 7:45 e le 9:00, con check point lungo il percorso dove poter timbrare il “passaporto del ciclista”, usufruire di assistenza meccanica e fare un piccolo break.

BioEcoGeo_valli-resilienti-bicicletta

Come arrivare

In automobile: Autostrada A4 Milano – Venezia, uscita Brescia Est e proseguire sulla SS45 per la Val Sabbia, uscita Ospitaletto per la Val Trompia.

In autobus: Dalla stazione trasporto pubblico S.I.A. di Brescia prendere la linea 202 in direzione Vestone per la Val Sabbia, linea 201 verso San Colombano per la Val Trompia.

In treno: fermata Brescia sulla tratta Milano – Venezia.

Per maggiori informazioni sul progetto Valli Resilienti clicca qui.

 

ATTIV-AREE
Programma intersettoriale di Fondazione Cariplo dedicato alle aree interne, che mira a “riattivarle” e renderle più attrattive attraverso la valorizzazione e la “messa a sistema” delle risorse ambientali, culturali, economiche e sociali dei territori. La promozione e il sostegno a quegli elementi di unicità che contraddistinguono ciascun territorio e la creazione di reti collaborative che consentano di superare le difficoltà e le distanze dai centri urbani maggiori e dai servizi sono ingredienti fondamentali del programma, operativo su due territori, l’Oltrepò Pavese e la parte alta delle bresciane Valle Trompia e Valle Sabbia. I progetti Oltrepò (Bio) diverso e Valli Resilienti, scelti tra 11 proposte ad una Call for Ideas, sono una vera scommessa per il futuro questi due territori che, iniziando a guardarsi con occhi diversi, stanno ri-scoprendo il loro patrimonio, materiale e immateriale.



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × cinque =