Sversamenti di liquami nel mare di Castel Volturno, attraverso il canale Agnena

Sono bastate poche ore dopo il lockdown perché ci ritrovassimo un mare di nuovo inquinato dallo sversamento da parte di aziende colpevoli di inquinamento.

BioEcoGeo_fiume-sarno

Da lunedì 4 maggio, con la riapertura delle attività, è ritornato anche il mare sporco. Questo che si vede nella foto è quello che sta accadendo alla foce del canale Agnena, che finisce in mare tra Castel Volturno e Mondragone. C’è un’enorme macchia nera fotografata da un drone che continua ad arrivare alla foce del canale.
Sul posto una puzza nauseabonda che si sente a centinaia di metri di distanza. La natura degli scarichi potrebbe risalire a qualche allevamento di bufale che si trova lungo il percorso del canale. Fatto sta che da alcuni giorni gli scarichi continuano.

«Ho allertato il commissario del Consorzio di Bonifica – dice il consigliere comunale di Castel Volturno, Peppe Scialla – che in mattinata dovrebbe fare un sopralluogo sul posto con i droni. È stata allertata anche la capitaneria di porto che è già stata sul posto».

Anche il ministro dell’Ambiente Costa ha lanciato l’allarme dai suoi canali social «In tantissimi mi avete mandato queste foto e video, e vi ringrazio: l’ho sempre detto che sono i cittadini le sentinelle del territorio» ha scritto in un post su Facebook.

«Come vi ho raccontato – continua il ministro – in questo periodo di quarantena abbiamo monitorato, anche grazie all’attività dei Carabinieri e della Guardia Costiera, che ringrazio, lo stato delle acque e non possiamo tollerare che gente senza scrupoli riporti inquinamento e devastazione laddove la Natura stava riprendendo i suoi spazi. Dobbiamo lavorare ventre a terra per far sì che il Post-Covid sia diverso». Stride ancora di più questo scempio ambientale proprio ora che, in soli due mesi di chiusura delle fabbriche, il fiume Sarno era tornato pulito con pesci visibili a occhio nudo.



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 5 =