Amianto: compagno di classe

Inizia da Bari Amianto: compagno di scuola il nostro viaggio tra le scuole italiane che ancora presentano amianto nella propria struttura. Ce ne sono 2.400: 342mila alunni che lo respirano ogni giorno.
Viaggeremo in tutto il Paese per realizzare articoli su queste scuole e un docu-film d’inchiesta e di denuncia. Tutto questo per dare il nostro contributo a questa battaglia di civiltà.

Partiamo proprio dalla scuola Ranieri che non ha tetti in amianto, ma che ha respirato la fibra killer per 50 anni, e ancora oggi si trova di fronte a uno dei Siti di interesse nazionale: la Fibronit.

Nicola Brescia è il presidente del comitato Cittadino Fibronit, nato 15 anni fa, all’indomani della decisione del comune di rendere edificabile l’area della Fibronit: «Vincemmo noi, e fu una grande vittoria. Portammo l’allora ministro Nerio Nesi sul palazzo qui davanti, gli facemmo vedere che l’area era intrisa di amianto, ci disse che non ne sapeva nulla, che Bari non lo aveva informato, e tornato a Roma bloccò il piano di edificazione. Adesso il comitato sta seguendo le sorti della bonifica, e il destino del plesso scolastico. Nei giardini della scuola, elementare e materna, ci sono centraline che non hanno rilevato sforamento o presenza anomala di fibre – ci dice, a tratti sovrastato dai rumori delle auto – ma non ci fidiamo, siamo preoccupati. In tutto ci sono sette scuole intorno alla fabbrica. Aspettiamo la bonifica definitiva da oltre 20 anni, e finalmente ora potrebbe essere la volta buona».

Puoi leggere l’articolo integrale su BioEcoGeo in edicola oppure abbonandoti alla rivista



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


2 thoughts on “Amianto: compagno di classe

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 2 =