Cara Acqua

Il costo dell’oro blu in Italia è il basso in Europa, ma quanto e cosa paghiamo nelle nostre bollette? Quali le regioni con le tariffe più alte?

BioEcoGeo_acqua

Di Stefania Divertito

«Cari parrocchiani, da quest’anno la quota per i battesimi è aumentata. Va aggiunta la tassa Gaia». Quando il messaggio di don Giovanni Locatelli è arrivato sulle agenzie di stampa molti hanno pensato a uno scherzo. Ma i bene informati hanno capito di cosa si trattava. Il parroco della frazione di Lovacchio, in provincia di Massa, ha provocatoriamente sollevato un polverone per portare l’attenzione di tutti su un tema caldo: il caro acqua.
Ai cittadini di Massa (ma non solo) sono infatti arrivate da anni bollette molto care, anche 3.000 Euro, a causa di conguagli e rincari stabiliti, secondo Gaia, a livello nazionale dall’Autorità per la gestione delle acque.
Anche la bolletta di don Giò, come lo chiamano i parrocchiani in paese, è aumentata del 400%, come spiega lo stesso parroco: «Da 20 euro a 80 e senza alcuna motivazione  plausibile».
Sul nuovo numero di BioEcoGeo parleremo del caro acqua, ma anche di cosa effettivamente è conteggiato nelle nostre bollette: oltre all’acqua consumata, quanto paghiamo per la depurazione e fognatura?

Potete leggere il DOSSIER “Cara Acqua” sul nuovo numero di BioEcoGeo:

  • acquistando la rivista in edicola
  • scaricando il singolo numero in formato digitale
  • ricevendolo comodamente a casa tramite abbonamento alla rivista cartacea.


Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 + 13 =