Immagino la scena:  persone che si rilassano sulla spiaggia, intente a giocare nell’acqua coi propri bambini o che si godono le acque fresche del Golfo ligure. Da lontano, vedono un’imbarcazione.

Baia di Paraggi
Baia di Paraggi

Non una barca di turisti che rientrano dalla baia di San Fruttuoso e nemmeno sub dopo un’immersione. Bensì una barca colma di rifiuti che ha fatto su e giù per il golfo del Tigullio e ha raccolto i rifiuti finiti accidentalmente in acqua o abbandonati lungo la costa. L’operazione, denominata Mare Pulito è stata promossa dal Comune di Santa Margherita Ligure in collaborazione con il Gruppo Concessionari Balneari di S.Margherita, l’ S.T.L. – Terre di Portofino (Sistema turistico locale), il Gruppo Albergatori di S.Margherita, la Camera di Commercio e il Banco di Chiavari.
La barca messa a disposizione dal comune scandaglierà il mare dalla Villa del Trattato, sul confine con il comune di Rapallo, fino a Portofino compreso, per 4 giorni a settimana (martedì, giovedì, sabato, domenica), 7 ore al giorno, dal 20 giugno al 20 settembre. Un intervento intenso e costante e tutt’altro che simbolico che mira ad ottenere un risultato concreto di beneficio per l’ambiente. 
«Il territorio è il nostro valore principale» afferma il giovane sindaco Paolo Donadoni. «Santa Margherita Ligure è situata all’interno del Parco di Portofino e dell’Area Marina Protetta, un ambiente naturale fantastico. L’Amministrazione comunale nel 2014 ha deciso di puntare sulla “Bandiera Blu” per il riconoscimento dell’alta qualità delle spiagge e dell’acqua. Un riconoscimento di elevato valore ambientale e di forte impatto turistico che ci è stato consegnato nel maggio 2015, e che è andato ad aggiungersi alla “Bandiera Lilla”, che attesta l’eccellenza dei servizi di accoglienza per le persone con disabilità».

Bandiera BLU 2015
Claudio Mazza, Presidente Fee Italia e Paolo Donadoni, Sindaco di Santa Margherita Ligure

Per raggiungere risultati importanti è, oggi più che mai, necessario creare sinergie tra enti e associazioni del territorio e talvolta tra pubblico e privato. Questo, grazie al grande lavoro dell’ufficio ambiente del Comune, è decisamente il caso in cui la collaborazione ha dato i suoi migliori frutti.
I rifiuti raccolti sono di ogni genere: vanno dai più diversi oggetti plastica (bottiglie prime fra tutti) alle lattine passando attraverso legni per arrivare addirittura ai copertoni delle ruote. L’importante però ora, è raccontare il progetto. Renderlo noto agli altri Comuni e enti che potrebbero così replicare l’operazione, ma anche a cittadini e turisti che durante l’estate affolleranno le spiagge liguri. «Comunicare la nostra cura per l’ambiente e promuoverla fra le persone è di fondamentale importanza» continua il sindaco. «Ecco perchè quest’estate sono previsti a Santa Margherita Ligure laboratori di biologia marina ed educazione ambientale, l’evento Ricicla Estate in collaborazione con Legambiente, un  open day dedicato allo snorkeling e alle attività sportive in spiaggia. Inoltre la nuotata non competitiva Il Miglio Blu all’interno dell’Area Marina, il Posidonia Festival (con conferenze, giochi, laboratori, punti informativi sulla Bandiera Blu) e molte altre iniziative di sensibilizzazione e attività gratuite sulla spiaggia libera di Ghiaia per i bambini ed i ragazzi».
Un’estate quindi ricca per chi vorrà trascorrere le proprie vacanze in uno dei luoghi più belli delle nostre coste, ma sicuramente un’esperienza da replicare in ogni comune anche senza vocazione turistica. Si pensi solo a quanti rifiuti ci sono nelle nostre città che aspettano solo di essere raccolti!