Parigi sperimenta, dal 19 al 25 settembre niente auto e viaggi gratis

Nuova sfida ambientalista per Parigi e la sua prima cittadina Anne Hidalgo che già dall’anno scorso è impegnata sul fronte “Piano bicicletta 2015-2010”, con una previsione di investimenti di 150 milioni di euro per raddoppiare la lunghezza e la qualità delle piste ciclabili.
I chilometri passano da 700 a 1400 e il mese scorso è stata inaugurata la prima “autostrada ciclabile” urbana che costeggia il Bacino dell’Arsenale, dal Quai de la Rapée a Place de la Bastille.

velib

Ma adesso va oltre ed è decisa a sperimentare una Parigi completamente senza auto per una settimana intera, dal 19 al 25 settembre, garantendo a chi aderisce all’iniziativa metro e bus gratis e un servizio di bike sharing. L’iniziativa arricchisce la sua battaglia per la disincentivazione dell’utilizzo dell’auto, che aveva  già visto dal 1 luglio scorso il divieto di utilizzo nei giorni feriali delle auto immatricolate prima del 1997. Adesso rilancia con un appello pubblico apparso sul sito ufficiale del Comune, in cui sprona i cittadini della capitale francese a lasciare a casa i mezzi privati e per una settimana intera potranno circolare gratis utilizzando tutti un sistema di trasporto pubblico messo a disposizione dal Comune, che comprende metro, bus, auto e biciclette elettriche in condivisione. La sfida “ludica ed eco-cittadina” è lanciata insieme ad Ademe ( Agenzia per l’ambiente e il controllo dell’energia) e all’associazione Wimoov, che accompagna soggetti fragili (persone con handicap, anziani, persone in inserimento professionale) verso una mobilità autonoma e duratura.

Nell’appello il sindaco Hidalgo spiega che l’obiettivo è quello di far capire ai cittadini che fare a meno di macchina e moto private è possibile grazie ad un efficiente sistema di mobilità pubblica,  alternativa e sostenibile.  L’iniziativa servirà, appunto, anche per analizzare gli spostamenti dei cittadini che volontariamente aderiranno, per tenerne conto nell’elaborazione della strategia comunale sulla mobilità “dolce e con trasporti alternativi più rispettosi della qualità dell’aria”.

Come si aderisce
Entro il 2 settembre è possibile compilare un questionario di adesione e poi sostenere un breve colloquio. La chiacchierata servirà a conoscere tutti i sistemi di mobilità alternativa, comprese iniziative sociali come OuiHop, Ubeequo, MyGoodLife, Petit Bus, Cyclopolitain. Agli aderenti saranno forniti di documenti per usare gratuitamente ogni tipo di mezzo pubblico, a partire dal Pass Navigo Semaine (treni regionali, bus, metro), Velib (bike sharing), Autolib (car sharing elettrico), Communauto (auto condivisa). In questo modo saranno scelti  venti volontari (automobilisti o motociclisti che abitano o lavorano a Parigi), che utilizzano veicoli inquinanti, che si sacrificheranno per tutti e poi ricompensati “nel corso di una cerimonia di assegnazione di premi organizzata dal comune di Parigi”.

Questo “sacrificio” ecologico di una settimana precederà la “giornata senz’auto” (“La journée sans voiture“). Quest’anno alla sua seconda edizione, la giornata si tiene il 25 settembre a Parigi, per sensibilizzare sul problema dell’inquinamento legato al traffico.



Deborah Divertito

Criminologa, ricercatrice e tifosa del Napoli. Da sempre attenta alle tematiche sociali e ambientali. Co-fondatrice della Cooperativa Sociale Sepofà, mi occupo di promozione editoriale e culturale. Il mio libro preferito? “Il Giovane Holden” di J.D. Salinger


One thought on “Parigi sperimenta, dal 19 al 25 settembre niente auto e viaggi gratis

  1. Aniello DE PADOVA

    Bell’articolo e bella iniziativa.

    Sono fiducioso che saranno molto più di 20 i cittadini disponibili a fare i volontari, poiché sono convinto che non lo considereranno assolutamente un sacrificio ma una vera e propria liberazione!

    Reply

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − sette =