Ucnet e Smartflower: il fotovoltaico che imita la natura

Smartflower_bioecogeoCome raccontò Aristotele in La Politica, «La natura non fa nulla di inutile» e l’uomo se n’è accorto già da tempo. Ma è soltanto negli ultimi cinquant’anni che ha raffinato la tecnologia volgendo i pregi della natura a suo uso e consumo. Infiniti sono gli esempi di come l’uomo, imitando la natura, riesca ad ottenere risultati imbattibili.
Un esempio evidente è il treno superveloce giapponese Shinkansen 500, il cui muso è stato modellato come il becco del Martin Pescatore, in modo da migliorarne l’aerodinamicità, ridurne il rumore e aumentarne l’efficienza energetica. Oppure l’adesivo a base di soia e completamente privo di formaldeide (il maggiore inquinatore indoor) perfetto per qualsiasi tipo di pannello in legno nato dopo lo studio della colla naturale delle cozze.

Ora è tempo di imitare i fiori. I girasoli per l’esattezza.
A farlo è stata UCNET, azienda cagliaritana (con sede anche a Milano e Bologna) specializzata in impianti tecnologici ferroviari in Italia e all’estero, con particolare attenzione ai sistemi di comando e controllo e ai sottosistemi di diagnostica e manutenzione.
L’azienda collabora con i maggiori player del settore ferroviario, tecnologico e dell’innovazione. Le conoscenze acquisite e la propensione verso una maggiore tutela per l’ambiente hanno portato l’azienda a inserire, fra la gamma dei propri prodotti, anche impianti solari.
In tal senso, e tornando alla biomimesi, il prodotto che Ucnet presenterà sabato 12 marzo a Verona durante il Tesla Revolution (evento italiano dedicato a Tesla Motors e alla mobilità elettrica,) è proprio lo Smartflower, un grande fiore ricoperto da pannelli fotovoltaici che, esattamente come un girasole, la mattina si apre, durante la giornata segue il sole fino a richiudersi al tramonto.
Non solo esteticamente affascinante e ideale per tutti i luoghi in cui gli impianti solari non possono essere installati per questioni paesaggistiche o artistiche, ma anche molto efficiente. Smartflower produce infatti fino al 40% in più di energia rispetto a un impianto convenzionale sul tetto (disposto in maniera ideale rispetto al sole soltanto per poche ore al giorno).
Oltre all’alto rendimento, l’impianto ha anche la caratteristica di essere installato in breve tempo ed essere attivo fin da subito. Quasi al pari di un elettrodomestico.

Al Teslarevolution, Ugo Cuncu, CEO di UCNET, presenterà lo Smartflower utilizzato in combinazione con le colonnine elettriche per fornire energia pulita alle auto elettriche.

Se si segue la natura, difficilmente si sbaglia…lo dice anche Aristotele.



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


One thought on “Ucnet e Smartflower: il fotovoltaico che imita la natura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + 6 =