Simonetta Sandri
Simonetta Sandri

La volontà di condividere con i lettori la bellezza dell’universo resta per me la vera ragione della ricerca delle parole più adeguate per descrivere una meraviglia spesso indescrivibile. Perché, come il Principe Miškin ne L’idiota di Fedor Dostoevskij, anche io penso che la bellezza salverà il mondo.

IMG_5554

A Roma il primo “Ivory Crash”

Fermare il fermare il “wildlife crime” anche con il Tag #ItaliaIvoryCrush. Stasera al Circo Massimo a Roma.

Giardino Palazzo Scroffa entrata_Simonetta Sandri

Uno dei più bei giardini di Ferrara, Palazzo Scroffa

Ferrara è un comune italiano di circa 134.000 (265.000 se si considera l’area metropolitana), situata nella zona del delta del fiume Po, il cui centro storico è...

Roma

KeyToNature, l’app che spiega le piante di Roma

Qualche giorno fa, a Villa Torlonia a Roma, è stata lanciata la guida interattiva all’immenso patrimonio verde romano. Si tratta di KeyToNature. Da scoprire.

18757976

Dialoghi in giardino

Una storia d’amicizia intensa e profonda. Due vecchi amici, Del Quadro e Del Prato, intorno a un giardino.

Giardini Champs Elysées 4_partic

Paris, Paris, Paris…

Ci sono solo due posti al mondo dove possiamo vivere felicemente: a casa e a Parigi. Ernest Hemingway

carretto fiori

Viaggio nei fiori, aspettando la primavera

Domenica di Pasqua a Mosca. Aspettando la primavera e ricordando il profumo dei fiori.

bambini ambiente

I bambini e l’ambiente

Idee per bambini eco-sostenibili. Cena, doccia, dentini e parco...

limoni-di-sorrento-conquistano-venezia

Quando un giardino parla di un equilibrio che non si trova

Se possedete una biblioteca e un giardino, avete tutto ciò che vi serve. (Cicerone)

P1050049

L’orto Botanico Tsitsin di Mosca, magia nella magia

Ci sono tanti posti, a Mosca, dove poter passeggiare, leggeri e libri alla mano, fra alberi immensi e giardini fioriti. Una delle capitali europee più verdi, di che...

2_ Al nord della Russia @ Simonetta Sandri

Elogio dell’energia vagabonda

Il virus del viaggio. Non vogliamo certo curarlo, perché è assolutamente incurabile, ma desidereremo cercare di capire come (con)vivere con esso.