Il futuro della mobilità

La diffusione dei veicoli elettrici rappresenta un volano per il rilancio economico e un incentivo per la transizione energetica verso le energie pulite, ma da sola non basta. Il passaggio è epocale

di Andrea Bertaglio

arms wide open

L’Italia, con quasi 40 milioni di auto circolanti, prova un amore profondo per le quattro ruote, che però non sembra evolversi in chiave ecosostenibile per motivi legati a aspetti culturali, ma anche e soprattutto alla mancanza di infrastrutture e investimenti adeguati.

Siamo nel Paese con la peggiore qualità dell’aria di tutta Europa, ma anche quello in cui le energie rinnovabili hanno avuto più spazio nel mix energetico degli ultimi anni. Un prerequisito fondamentale per una transizione green dell’economia e della mobilità, che però non basta. L’Italia non sembra ancora crederci: a differenza di altri Stati Ue e non, le manca innanzitutto un adeguato sistema infrastrutturale, che garantisca ai pochi (ma sempre più numerosi) possessori di auto elettriche una libera e “tranquilla” circolazione. A partire dalle banali colonnine di ricarica.

Potete leggere il DOSSIER sul nuovo numero di BioEcoGeo:

  • acquistando la rivista in edicola
  • scaricando il singolo numero in formato digitale
  • ricevendolo comodamente a casa tramite abbonamento alla rivista cartacea.


Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + quattordici =