Potenza: al via il porta a porta per i rifiuti

È stato siglato pochi giorni fa dal Sindaco di Potenza Dario De Luca e dal Presidente di CONAI Roberto De Santis il Protocollo di Intesa per il nuovo servizio di raccolta differenziata in città. Il nuovo servizio sarà avviato a partire dal prossimo mese di marzo, e si pone come obiettivo il raggiungimento del 65% di raccolta differenziata entro la fine dell’anno. Potenza_
Con la firma del Protocollo, viene attuato il piano industriale per il servizio di raccolta differenziata porta a porta, redatto da CONAI in collaborazione con l’Amministrazione Comunale e finanziato dalla Regione Basilicata e dal Ministero dell’Ambiente per 5 milioni di Euro.
CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi) garantirà, oltre al ritiro e l’avvio a riciclo dei rifiuti di imballaggio raccolti, il coordinamento delle attività di start up con la realizzazione di un ufficio dedicato per organizzare e monitorare le operazioni di avvio della raccolta.  Inoltre verrà curata in collaborazione con il Comune la realizzazione di campagne informative e di sensibilizzazione rivolte ai cittadini, pensate per migliorare la quantità e la qualità dei materiali conferiti e da avviare a riciclo.

Il piano per la gestione dei rifiuti prevede il passaggio al sistema porta a porta per il centro cittadino, mentre per le aree a più scarsa densità abitativa verrà mantenuto il modello esistente, con i cassonetti stradali. Il cronoprogramma prevede di avviare i nuovi servizi in tutto il Comune di Potenza entro l’anno con l’obiettivo di raggiungere il 65% di raccolta differenziata entro la fine dell’anno.

Il Protocollo è stato firmato alla presenza dell’Assessore Regionale all’Ambiente, Aldo Berlinguer, a sottolineare l’importanza di questo accordo per lo sviluppo della raccolta differenziata in Regione, e per il raggiungimento degli obiettivi di legge in materia.



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette − tre =