Coronavirus: Conserve Italia dona cibo a chi non ne ha

«La solidarietà e la mutualità sono valori che fanno parte del nostro dna cooperativo, ogni anno doniamo centinaia di tonnellate di prodotti alimentari destinati alle persone più bisognose. In una fase di emergenza sanitaria ed economica come quella in corso, abbiamo cercato di fare del nostro meglio per rispondere alle innumerevoli richieste di aiuto che ci sono arrivate, aumentando il flusso delle nostre donazioni».

Pier Paolo Rosetti, direttore generale di Conserve Italia

Pier Paolo Rosetti, direttore generale di Conserve Italia

Lo spiega Pier Paolo Rosetti, direttore generale di Conserve Italia, il Gruppo cooperativo con sede a Bologna e presente in tutta Italia con 8 stabilimenti produttivi, specializzato nella produzione di conserve di pomodoro, vegetali, succhi e frutta in scatola con marchi di riferimento per il made in Italy alimentare come Valfrutta, Cirio, Yoga, Derby Blue e Jolly Colombani.

Nelle settimane scorse Conserve Italia ha effettuato una donazione straordinaria alla Fondazione Banco Alimentare dell’Emilia-Romagna Onlus, che rifornisce abitualmente 770 strutture di carità e assistenza in tutta la regione raggiungendo 120.000 persone bisognose. Si parla di oltre 52 tonnellate di alimentari e bevande, che si sono andate ad aggiungere alle 25 tonnellate già consegnate tra marzo e inizio aprile.

 

Il Gruppo cooperativo non si è fermato qui. «Abbiamo intensificato le nostre donazioni con tutte le realtà caritative e solidali con cui già intratteniamo rapporti consolidati, inoltre ne abbiamo aperti anche di nuovi» aggiunge Rosetti. Così nei giorni scorsi è arrivata una donazione straordinaria di 25 tonnellate di pomodoro, legumi e frutta in scatola all’associazione di volontariato Don Bosco 3A con sede a Faenza (Ra), impegnata nell’Operazione Mato Grosso in America Latina.

Anche la rete degli Empori Solidali dell’Emilia-Romagna ha potuto beneficiare di donazioni straordinarie da parte di Conserve Italia, che nelle settimane scorse ha consegnato e messo a disposizione circa 25.000 prodotti alimentari (perlopiù pomodoro e legumi) per gli Empori bolognesi di San Lazzaro e Casalecchio, quelli di Modena e Vignola, Pomposa di Codigoro nel Ferrarese e Cervia sul litorale ravennate.

BioEcoGeo_donazione_Emporio_Solidale_Eko

 

«I nostri stabilimenti, impegnati in un costante rapporto di collaborazione con le comunità locali – precisa il dg Rosetti – hanno effettuato piccole ma significative donazioni a realtà del territorio. A Mesagne in provincia di Brindisi, sono stati donati diversi pallet di pomodoro sia ad associazioni di volontariato che all’Amministrazione comunale per le famiglie seguite dai servizi sociali, idem ad Albinia nella Maremma Toscana e ad Alseno di Piacenza dove sono stati distribuiti perlopiù legumi. Dal sito di Ravarino (Mo) sono stati donati prodotti alla Caritas di Vigevano, mentre da quello di Massa Lombarda (Ra) alla Caritas di Imola».

Infine, in qualità di partner del Consorzio Italia del Gusto, Conserve Italia ha partecipato al progetto “Solidalitaly” donando circa 20.000 bottiglie di salsa pronta Cirio destinate alle Caritas di tutta Italia.

«Il nostro aiuto – conclude il direttore generale Rosetti – è solo una goccia in un grande mare di bisogni, ma è una goccia che si aggiunge a tante altre e tutte insieme possono dare un importante contributo».



Redazione

Bioecogeo non è solo una rivista o un sito bensì un progetto! Creare un modello di società più consapevole, forte della condivisione e diffusione di una cultura ambientale per il benessere del singolo individuo e del pianeta in cui vive.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 1 =