Ecuador: camminare, persi  nella foresta

Camminare nella foresta, siamo qui per questo.
Ci sentiamo vicini più che mai a David Henry Thoreau che, nel lontano 1845, costruì una capanna di legno in una località isolata e vi rimase due anni, per sperimentare le evoluzioni cui porta il contatto con la sola natura.

Ecuador

Da essa si può solo trarre energia allo stato puro, forza e idealismo che ne conseguono. Basta camminare, non semplicemente mettendo un passo davanti all’altro, ma staccandosi e isolandosi completamente da ogni pensiero e preoccupazione quotidiana, facendo di sé una sorta di ‘tabula rasa’, un pensiero vergine che entri in sintonia con le piante, gli animali, con la natura nel suo essere e divenire, con la sua dimensione selvaggia capace di collegare l’uomo con la vera parte di sé stesso. E noi cammineremo in Ecuador, nel pieno della sua immensa e potente foresta amazzonica che ci accoglie a braccia aperte, vita allo stato puro.

di Simonetta Sandri

Per leggere l’articolo completo acquista BioEcoGeo in edicola o ABBONATI




Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove + undici =